L' Ospedale Santa Maria classificato tra le migliori Cardiochirurgie pugliesi

22 dicembre 2016
L' Ospedale Santa Maria classificato tra le migliori Cardiochirurgie pugliesi
Leggendo i dati del Rapporto Nazionale Esiti 2016 pubblicato da AGENAS - ente pubblico nazionale non economico del Ministero della Salute  che collabora con il Ministero della Salute per la valutazione della efficienza e della qualità degli ospedali italiani - , la cardiochirurgia di Ospedale Santa Maria di Bari è al primo posto in Puglia per il minor tasso di mortalità conseguito a 30 giorni dall’intervento di riparazione dell’aneurisma della aorta addominale.

Si tratta di un trattamento chirurgico molto delicato e complesso che richiede competenze specifiche e un alto livello di preparazione ed esperienza da parte del chirurgo. In base al Programma nazionale Esiti 2016, l’equipe dell’Ospedale Santa Maria ha condotto una ottima performance piazzandosi al primo posto delle Cardiochirurgie pugliesi e al 24° su scala extraregionale (270 le strutture sanitarie considerate) negli interventi riservati alla riparazione degli aneurismi.

La struttura,  l’ultimo, in ordine di tempo, entrato nell’orbita GVM nel territorio pugliese- ottiene una percentuale praticamente azzerata (il dato di riferimento per bassa mortalità è </=1%) dei decessi ad un mese esatto dall’esecuzione della protesica vascolare. Non solo. L’unità operativa ha raggiunto una buona posizione sempre a livello regionale anche in volume di ricoveri per valvuloplastiche e sostituzioni di valvole cardiache (332), a testimonianza del fatto che rappresenta un centro di riferimento a livello locale per il trattamento delle patologie valvolari.
Positivo anche il dato della mortalità a 30 giorni in seguito a bypass aortocoronarico isolato: l’ospedale Santa Maria è la terza migliore realtà in Puglia con una percentuale che si attesta al 2,04%.
 
Ospedale Santa Maria di Bari conta oggi su un’equipe di Cardiochirurgia totalmente rinnovata, specializzata in chirurgia ricostruttiva e sostitutiva delle valvole aortica e mitrale, rivascolarizzazione miocardica e preparata ad affrontare anche casi più complessi, come i re-interventi. All’interno della struttura tecnologia, farmaci, tecniche anastesiologiche e anche di assistenza post operatoria permettono terapie efficaci e più durature per le patologie del cuore. Senza dimenticare la possibilità di operare con accessi mininvasivi come nei casi di rivascolarizzaziaone con esecuzione di bypass a cuore battente.