Risonanza Magnetica Cardiaca

Specialità ambulatoriali

Per informazioni o prenotazioni


Da Lunedì a Venerdì 8.00 - 19.30
Tel. 0832.229716


Presso la Radiologia di Città di Lecce Hospital è possibile eseguire la Risonanza magnetica al cuore (RM cardiaca), una metodica di Diagnostica per immagini non invasiva che sfrutta campi magnetici e onde di radiofrequenza per studiare in modo approfondito tessuti e strutture del cuore, e di rintracciare un gran numero di patologie ad esso riconducibili.

 

Ambiti di indagine


La risonanza magnetica cardiaca serve a valutare il sistema cardiovascolare nel suo complesso, in particolare:
  • massa e funzione ventricolare
  • perfusione e vitalità del miocardio
  • valvole cardiache
  • cardiomiopatie di origine genetica
  • patologie cardiovascolari
 

Come si svolge la risonanza magnetica cardiaca


L’apparecchiatura impiegata per eseguire la Risonanza magnetica è costituita da un cilindro aperto sia nella parte anteriore che in quella posteriore. Lo spazio all’interno di questo grande tubo si chiama gantry e all’interno viene posizionato il lettino sul quale viene fatto sdraiare il paziente.  
 
Il lettino è circondato dai campi magnetici che sono paragonabili a grandi calamite che emettono onde a radiofrequenza e mediante le quali avviene il monitoraggio del cuore.

Grazie ad una sofisticata tecnologia è possibile intercettare i segnali emessi dal cuore e trasformarli nelle immagini rielaborate a loro volta da un computer.
Durante l’esame rmn, il paziente rimane immobile e, se ne ha bisogno, può attraverso un pulsante presente nel macchinario, chiedere l’intervento del personale tecnico in caso di disagio. 


Il mezzo di contrasto



La Risonanza Magnetica del cuore può essere eseguita con il mezzo di contrasto che permette di identificare con più chiarezza e precisione determinate patologie. II mezzo di contrasto viene somministrato per via endovenosa. La quantità del mezzo cambia in base al distretto corporeo da indagare e all’aspetto diagnostico da accertare.

In genere si inietta gadolinio, una soluzione liquida che si inietta nell’organismo per migliorare la qualità dell’immagine ed avere una visione più dettagliata delle strutture cardiache.
I mezzi di contrasto a base di gadolinio, un metallo che si estrae dalla terra, generalmente sono privi di effetti collaterali e possono rendere più sicura la diagnosi.
 

Controindicazioni


La Risonanza magnetica, non utilizzando radiazioni ionizzanti, non comporta rischi. L’assenza di radiazioni rende la rmn particolarmente adatta anche per la ripetizione di esami a breve distanza di tempo.
 
La risonanza magnetica ha controindicazioni per i portatori di pace-maker cardiaco o di neuro stimolatori  perché il funzionamento di questi dispositivi può essere danneggiato dal campo magnetico e/o dalle onde elettromagnetiche. Le altre possibili controindicazioni sono legate alla presenza di materiale ferromagnetico nel corpo del paziente, come protesi articolari, stent vascolari, valvole cardiache metalliche.
 
Per questo prima di eseguire l’esame, il paziente deve esibire una apposita documentazione in cui viene attestata la compatibilità del dispositivo con l’apparecchiatura usata per la risonanza e dopo colloquio anamnestico con il medico responsabile dell’esame.
Grazie ai progressi della tecnologia ormai da diversi anni gran parte dei metalli utilizzati sono compatibili con la risonanza magnetica.