Chirurgia Toracica

Specialità di ricovero

Prenotazioni Accettazione Ricoveri

Da Lunedì a Venerdì 9.00 - 17.30 Sabato 9.00 - 12.30
Tel. 0545 217210


L'Unità Operativa di Chirurgia toracica svolge prevalentemente attività chirurgica di alta specializzazione del polmone, della trachea (neoplasie primitive e secondarie del polmone, grossi bronchi, trachea, pleura, parete toracica) e del mediastino.

A Maria Cecilia Hospital è attivo anche un percorso didattico nell'ambito del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia, anche con insegnamenti post laurea e ricerca clinica grazie all'accordo di collaborazione sottoscritto con l'Università degli Studi di Bologna.


CENTRO PER LE MALATTIE DELL'ESOFAGO
    
Il Centro segue i pazienti che soffrono di patologie dell'esofago, sia benigne che maligne. Le patologie maggiormente trattate sono l'ernia italalel'esofagiteil reflusso gastroesofageo, l'esofago di Barrettl'acalasia, il diverticolo di Zenker ed il tumore esofageo.

Come vengono trattate le diverse patologie:

Reflusso gastro-esofageo
La tecnica utilizzata attualmente è la chirurgia laparoscopica. Con cinque piccole incisioni il chirurgo ricrea una barriera efficace tra stomaco ed esofago.

Ernia iatale
La maggior parte delle ernie iatali, soprattutto quelle intermittenti o da scivolamento, non costituiscono indicazione chirurgica. Le ernie iatali incarcerate o fisse in torace vanno invece operate, se l’età e le condizioni del paziente lo consentono, per evitare complicanze soprattutto in età avanzata.

Esofagite
Qualora la terapia farmacologica indicata in caso di malattia da reflusso gastroesofageo, abbinata ad uno stile di vita e ad una alimentazione adeguata non dovesse sortire gli effetti sperati, si può prendere in considerazione un intervento di tipo chirurgico, come nel caso del reflusso gastroesofageo, da cui l’esofagite deriva.

Esofago di Barrett
Si eseguono endoscopie ogni 3/6 mesi di controllo. Ai pazienti di età inferiore a 70 anni con severi sintomi da reflusso, non controllati dalla terapia farmacologica, è corretto consigliare la terapia chirurgica anti reflusso in assenza di displasia. Nel caso di trasformazione delle cellule in una forma tumorale si procede con l’intervento che è endoscopico se l’area mucosa sospetta è limitata e superficiale oppure chirurgico in presenza di neoplasia invasiva.

Acalasia
L’intervento chirurgico è il trattamento che permette il miglior ripristino della funzionalità esofagea. Si esegue per via laparoscopica.

Diverticoli
Nei diverticoli, specie quelli epifrenici e del terzo medio è fondamentale porre una indicazione corretta: se i diverticoli sono asintomatici, non deve essere fatto nessun trattamento. Il trattamento chirurgico è riservato ai diverticoli sintomatici o di grandi dimensioni.

Neoplasie
La diagnosi e cura dei tumori esofagei richiede le competenze di Centri specializzati. Le indicazioni della letteratura scientifica in questo senso sono molto chiare. In tutto il mondo nei Centri di riferimento le complicanze e la mortalità peri operatoria sono minori e la qualità della cura è migliore. Per la chirurgia dei tumori dell’esofago ed in particolare dell’adenocarcinoma, il Centro per le mattie dell’esofago vanta grande esperienza e risultati in linea con quelli migliori pubblicati nella letteratura internazionale. Le scelte terapeutiche sono dettate da criteri di tipo biologico con cui si determinano le caratteristiche del tumore primario.