Ecografia - Diagnostica per Immagini

Specialità ambulatoriali


La sezione di Ecografia del reparto di Radiologia dell’Ospedale Santa Maria è dotata di ecografi di ultima generazione.
 
Si eseguono:
  • Ecografie internistiche (collo, ghiandole salivari, tiroide, addome superiore e inferiore, testicolari dei tessuti molli, ecc.);
  • Ecografia Senologiche;
  • Ecografie muscolo-scheletriche;
  • Ecografie anche e reni del neonato
  • Agobiopsie e prelievi citologici ecoguidati di tiroide, mammella, tessuti molli, ecc.
  • Ecocolor doppler tiroide e organi addominali
 

L'ecografia in Gravidanza


L’ecografia è una tecnica che consente di vedere quel che è all’interno del nostro corpo utilizzando onde sonore ad alta frequenza, ultrasuoni, così chiamati perché non percepibili dall’orecchio umano. Tali onde prodotte da una sonda vengono inviate nei tessuti e ritornano come echi che, trasformati in segnali diversi a seconda della densità che incontrano, danno luogo ad immagini.
 
In gravidanza l’ecografia ha finalità diverse a seconda dell’epoca gestazionale in cui viene eseguita. Così come previsto dalla normativa ministeriale, è accettato che le ecografie indispensabili sono solo tre, una per trimestre. Solo in alcuni casi, che richiedono un controllo più assiduo, può essere necessario un numero maggiore.

 

> Primo trimestre (entro la 13° settimana)

L'ecografia serve ad individuare la/e camera/e gestazionale/i, il numero degli embrioni, le loro dimensioni (in base alle quali è possibile valutare la corrispondenza con l’epoca mestruale), l’attività cardiaca e i movimenti spontanei. Si può eseguire sia per via trans-addominale che per via trans-vaginale, da preferire per una miglior accuratezza dell’esame.
 
> Secondo trimestre (tra 19 e 23 settimane)
L'ecografia mira ad un’attenta valutazione dell’anatomia fetale (cosiddetta ecografia morfologica) e, attraverso più valori biometrici, stabilire la consonanza con la precedente oltre a svelare alterazioni dell’accrescimento fetale. Vengono inoltre valutati la placenta, soprattutto la posizione e il rapporto con l’orificio uterino, e la quantità del liquido amniotico.
 
> Terzo trimestre (tra 29 e 33 settimane)
L'ecografia serve a controllare la crescita, la situazione e la presentazione fetali, oltre a consentire il monitoraggio della placenta e del liquido amniotico.
 
Un esame ecografico di routine è fondamentale in quanto permette di identificare un buon numero delle malformazioni fetali maggiori. L’ecografia a fini diagnostici è ritenuta infine una metodica esente da rischi.