Ecografia della Cute e del Tessuto Sottocutaneo

L’Ecografia della Cute e del Tessuto Sottocutaneo è un esame diagnostico non invasivo che viene eseguito per lo studio delle lesioni che possono interessare la pelle e il tessuto sottocutaneo.

Che cos’è?

L’Ecografia della Cute e del Tessuto Sottocutaneo è un esame diagnostico che sfrutta le emissioni di ultrasuoni, cioè delle onde sonore di alta intensità e di bassa frequenza, che permettono di studiare approfonditamente i tessuti molli, cioè pelle (cute) e tessuto sottocutaneo.

L’Ecografia della Cute e del Tessuto Sottocutaneo viene eseguita quando c’è la necessità di studiare le dimensioni delle lesioni cutanee e sottocutanee. Si utilizza per lo studio di:
  • Linfonodi benigni
  • Espansione di lesioni neoplastiche della pelle, come melanomi e linfomi, rispetto ai tessuti circostanti
  • Lipomi, cisti e altre lesioni nodulari
  • Tumefazione della cute o sottocutanea, evidenziando anche il rapporto con i vasi sanguigni
  • Ernie addominali, ombelicali, inguinali e scrotali.

L’Ecografia della Cute e del Tessuto Sottocutaneo è un esame indolore che dura circa 15 minuti. Non necessita di preparazioni preventive. 

Il medico rileva le immagini appoggiando una sonda sulla pelle in corrispondenza della parte anatomica da indagare. Al fine di permettere lo scorrimento dell’ecografo, lo strumento che emette gli ultrasuoni e le trasforma in immagini, e di facilitare la rilevazione delle immagini, la pelle viene cosparsa con del gel acquoso.

La sonda viene spostata sulla pelle, in modo da passare lentamente sui vari quadranti, così da ottenere immagini complete della parte anatomica da studiare.

L’Ecografia della Cute e del Tessuto Sottocutaneo non ha controindicazioni.

Le strutture che trattano questa visita