Palpitazioni (Fibrillazione atriale)

Una forma di aritmia cardiaca dovuta al malfunzionamento degli atri del cuore, che si contraggono in modo caotico e frammentario per un’alterazione degli impulsi elettrici che li attivano.

Il disturbo origina spesso da concomitanti patologie a carico del cuore, ma può anche insorgere senza cause apparenti in giovani, adulti e soprattutto anziani, oppure in seguito ad abusi alcolici, febbre alta, stress, interventi chirurgici. Alla base del disturbo c’è un’alterazione degli impulsi elettrici che causano la contrazione del muscolo cardiaco.

Il paziente avverte stanchezza e palpitazioni, percepite come battiti accelerati, irregolari e con pause di diversa durata. Il disturbo può provocare mancanza d’aria e svenimenti. In alcuni casi può presentare i sintomi di scompenso cardiaco, specie in presenza di una cardiopatia.

Oltre all’analisi dei sintomi, l’accertamento avviene attraverso un elettrocardiogramma (ECG), che rileva l’assenza di onde di attivazione regolari.

Le Strutture Sanitarie che accertano o curano questa patologia

Non trovi la patologia che stai cercando?
Clicca qui