Clinica Santa Caterina da Siena

Colonna endoscopica: perchè è una strumentazione d'avanguardia?

14 novembre 2018
La colonna endoscopica di ultima generazione, recentemente acquisita e in dotazione all’Ambulatorio ORL della Clinica Santa Caterina da Siena, coniuga un design compatto, adatto all’attività di diagnostica endoscopica ambulatoriale, a dotazioni tecnologiche all’avanguardia (alta definizione e Narrow Band Imaging) rendendo il nostro centro unico nel suo genere nel panorama della sanità privata piemontese.

Questa tecnologia di visualizzazione all’avanguardia permette di identificare anomalie superficiali della vascolarizzazione della mucosa consentendo all’otorinolaringoiatra di individuare precocemente aree di possibile trasformazione maligna e di sottoporle a biopsia mirata sia in occasione di una prima valutazione sia in corso di follow-up oncologico.  La colonna endoscopica è inoltre dotata di un moderno stroboscopio a luce LED che permette, allo specialista ORL e al foniatra, di eseguire laringostroboscopie luminose e brillanti per una migliore diagnosi delle patologie della voce mediante l’utilizzo di fibroscopi flessibili con un maggior comfort del paziente.
 
Alla colonna è possibile collegare l’ampia gamma di endoscopi in dotazione all’Ambulatorio ORL della Clinica Santa Caterina da Siena: si tratta di endoscopi sia rigidi che flessibili come il videoendoscopio ad alta definizione e l’endoscopio pediatrico ultrasottile.  
 
Abbiamo approfondito l’argomento con il Dott. Luca Raimondo, specialista in Otorinolaringoiatria presso la Clinica Santa Caterina da Siena di Torino
 
Quali patologie possono essere diagnosticate grazie alla colonna endoscopica?

L’esame endoscopico è essenziale nella diagnostica di tutte le patologie che interessano il distretto nasosinusale, faringeo e laringeo qualunque sia la loro natura (infiammatoria, infettiva, neoplastica etc…) La strumentazione endoscopica in dotazione al nostro Ambulatorio è particolarmente adatta per la diagnostica precoce dei tumori del distretto testa e collo e per l’identificazione precoce delle loro eventuali recidive grazie alla presenza della tecnologia NBI. La struttura dispone poi della medesima tecnologia anche in sala operatoria con l’obiettivo di massimizzare l’accuratezza dell’operato dei chirurghi ORL.
 
Come si svolge l’esame?

L’esame si svolge in ambito ambulatoriale senza bisogno di alcuna preparazione nei giorni precedenti o di premedicazione farmacologica, a differenza di quanto avviene per la maggior parte delle endoscopie di pertinenza pneumologica o gastroenterologica. In caso di intenso riflesso faringeo è possibile somministrare al paziente alcuni puff di spray anestetico locale direttamente in orofaringe e in caso di importante congestione nasale, al fine di garantire una ottimale visualizzazione delle fosse nasali, si può applicare uno spray decongestionante nasale.  

Con il paziente seduto sulla poltrona visita o in posizione supina sul lettino ambulatoriale, l’endoscopio flessibile viene introdotto attraverso le narici per procedere così all’esplorazione delle fosse nasali, del cavo rinofaringeo, dell’orofaringe, della laringe e dell’ipofaringe. L’esame non è doloroso, il paziente avverte la progressione dell’endoscopio sotto forma di leggero pizzicore nasale, si può assistere ad alcuni starnuti e alla comparsa di minima lacrimazione oculare. Il dialogo fra operatore e paziente durante l’esecuzione dell’endoscopia è fondamentale per rendere la procedura massimamente tollerabile.

L’esame è eseguibile sia sulla popolazione adulta che su quella pediatrica: nei piccoli pazienti viene impiegato un endoscopio del diametro di 2.2 mm.
 
Per maggiori informazioni o per prenotare una visita contattaci allo 011 8199211 o scrivici tramite form
 

Condividi