G.B. Mangioni Hospital

Patologie dell'anca e del ginocchio: l'appuntamento con la prevenzione

16 ottobre 2018
Patologie dell'anca e del ginocchio: l'appuntamento con la prevenzione
A partire dal mese di ottobre fino a dicembre 2018il Prof. Rinaldo Giancola Responsabile U.O. Ortopedia e Traumatologia di G.B. Mangioni Hospital di Lecco (struttura polispecialistica accreditata SSN di GVM Care & Research) effettua visite dedicate alle patologie dell’anca e del ginocchio ad una tariffa agevolata di euro 30,00.

“Le due articolazioni possono dare dolore, presentare lesioni o disfunzioni - spiega il Professore - che vanno ad incidere fortemente e a limitare la nostra qualità della vita, lavorativa e familiare. Gran parte della popolazione italiana soffre di queste problematiche, il 50% circa, con pari  incidenza per entrambi i sessi andando poi ad aumentare per le donne in particolare dopo la menopausa.”

“E’ importante sottoporsi ad una visita preventiva che permette di evidenziare eventuali patologie – sottolinea ancora Giancola - inquadrare  se queste hanno origine degenerativa o traumatica e quale può essere la loro evoluzione nel tempo. Le visite ortopediche permettono di valutare percorsi personalizzati e specifici correlati ai più comuni disturbi articolari come ad esempio l’artrosi, originata nella maggior parte dei casi dall’usura e dall’invecchiamento delle articolazioni con deterioramento della cartilagine che riveste l’osso.
Come pure è fondamentale non sottovalutare il dolore del ginocchio nel giovane e nell’atleta,  spesso di natura  post traumatica, legato a lesioni dei legamenti crociati, lesioni meniscali a causa di infortuni o improvvisi movimenti di torsione avvenuti durante la pratica di uno sport, per esempio lo sci piuttosto che una partita di calcio o di tennis. Ancora, la fuoriuscita della rotula (patella) dalla sua sede naturale.”

Tra le patologie che vengono valutate ci sono anche il deterioramento dell’articolazione dell’anca, da lesioni o incidenti, così come la degenerazione della testa del femore per scarso apporto di flusso sanguigno, nota anche come necrosi del femore. Si valutano inoltre trattamenti che interessano sempre pazienti in giovane età, che possono soffrire della sindrome da impingement o femoro-acetabolare (CAM) che coinvolge l’osso del femore e l’acetabolo, due componenti dell’articolazione dell’anca, che non sono 'compatibili' tra loro e finiscono per urtarsi.

“L’obiettivo primario della visita specialistica ortopedica - ribadisce il Prof. Giancola - è quello di valutare proprio i sintomi dolorosi e le rigidità caratteristiche di tutte le disfunzioni dell’apparato locomotore, ponendo particolare attenzione al trattamento da adottare in base al grado di gravità della patologia riscontrata, perché, trascurarla, può compromettere seriamente la funzionalità dell’articolazione stessa nel tempo.”

Contattaci per informazioni e per prenotare la tua visita con il Professor Rinaldo Giancola.

 


Condividi: