Ospedale Santa Maria

Breast Unit - un modello di eccellenza nel trattamento, diagnosi e cura del tumore al seno

13 maggio 2020
Il modello di Breast Unit (definito da EUSOMA - European Society of Breast Cancer Specialists - e condiviso dal Consiglio Europeo) ottimizza i vari aspetti del trattamento del tumore al seno, come confermato dalle evidenze scientifiche. E’ stato dimostrato che le donne che vengono trattate all’interno di una Breast Unit hanno una possibilità di sopravvivenza più alta ed una migliore qualità di vita, grazie al costante monitoraggio e valutazione delle varie attività di tutti gli specialisti che ne fanno parte. 
La Breast Unit dell’Ospedale Santa Maria di Bari, è costituita da vari specialisti che costantemente si confrontano sui singoli casi; tutte le attività fanno riferimento alle Linee guida nazionali ed internazionali:
  • la diagnosi,
  • la chirurgia,
  • la chirurgia ricostruttiva,
  • la terapia radiante, la terapia medica,
  • l’anatomia patologica.
Terapie personalizzate
L’aumento dei casi di tumore in donne giovani, ha fatto nascere l’esigenza di avviare una stretta collaborazione con i ginecologi al fine di permettere, dove possibile, la crioconservazione degli ovuli. Tra le attività del gruppo della Breast Unit c’è quella di selezionare, in base alla storia familiare ed alla tipologia del tumore, quelle donne da avviare a consulenza genetica, per poter attuare protocolli di terapia e di sorveglianza personalizzati. L’attività della Breast Unit si avvale di un sistema codificato di raccolta dati che consente una valutazione periodica della qualità delle cure erogate, con l’obiettivo di assicurare alle pazienti il più alto livello di trattamento. 
Grazie alla stretta collaborazione di tutti gli specialisti della branca senologica, l’Ospedale Santa Maria offre un percorso completo dalla diagnosi precoce, alla riabilitazione.

Figure professionali anche per la riabilitazione post-intervento 
Nel periodo post-chirurgico è fondamentale il recupero funzionale completo nel tempo attraverso progetti riabilitativi individuali, indicati da una fisiatra. La presenza di una nutrizionista permette di valutare la possibilità di un miglioramento dello stile alimentare e di vita per ogni donna. Sempre in corso di ricovero e trattamento, la presenza di una psicologa, garantirà un supporto psicologico alle pazienti al fine di ridurre lo stress da intervento, nonché un aiuto nei casi più vulnerabili.
Nel post-intervento, per le pazienti che affrontano chemioterapie, è attivo un laboratorio gratuito di “cura” della persona, gestito da volontarie, estetiste e dalla psicologa, che ha come obiettivo quello di ridurre i danni estetici della chemioterapia e permette alle donne di incontrarsi e confrontarsi.

Per tutte le informazioni, chiamare allo  080.5040111
oppure compilare il form di richiesta informazioni.


Condividi