/ 11 maggio 2012

Gvm presenta “Cuore di Mamma”

Gvm presenta “Cuore di Mamma”

Venerdì 11 maggio, in vista della Festa della Mamma, valutazione gratuita del rischio cardiologico per tutte le donne in diverse strutture del Gruppo Sanitario privato.

In occasione della Festa della Mamma, venerdì 11 maggio il gruppo sanitario privato lughese Gvm Care & Research mette a disposizione alcuni suoi ospedali e poliambulatori per offrire alle mamme sopra i 35 anni una valutazione gratuita del rischio cardiovascolare. L’iniziativa, chiamata “Cuore di Mamma”, è volta a sensibilizzare le donne sulla necessità di svolgere periodici e accurati controlli sullo stato di salute dell’apparato cardiaco, le cui patologie costituiscono la prima causa di morte in Italia, essendo responsabili del 44 per cento dei decessi. Secondo gli ultimi dati pubblicati dal Ministero della Salute, questi valori sono ancora più preoccupanti per le donne, in particolare dopo la menopausa. Una donna over 60 su due infatti perde la vita a causa di problemi cardiologici. Nonostante questi dati allarmanti, tuttavia, le patologie cardiologiche non spaventano ancora quanto il cancro, che invece è responsabile solo del 24 per cento dei decessi, e la cultura della prevenzione delle malattie al cuore tarda a diffondersi.

“Le donne sono parzialmente protette dal rischio di attacchi cardiaci e cerebrali nella vita feconda, poi il rischio diventa gradualmente simile in uomini e donne finché in età avanzata questi eventi prevalgono su quest’ultime – spiega il Professor Luigi Tavazzi, Direttore Scientifico di Gvm – Sensibilizzare le donne alla prevenzione – conclude Tavazzi – significa preparare le generazioni future a una vita migliore. Per questo la festa della mamma è una buona occasione, non solo affettiva, per pensare al proprio cuore”.

Il controllo proposto da Gvm non è invasivo e in circa 15 minuti prevede elettrocardiogramma, misurazione della pressione arteriosa, misurazione del colesterolo totale e Hdl, oltre alla compilazione della carta del rischio di sviluppo di malattie cardiologiche entro 10 anni. Nella nostra regione gli ospedali di Gvm coinvolti dall’iniziativa sono Maria Cecilia Hospital Cotignola, Ravenna Medical Center, Primus Forlì Medical Center, Clinica Privata Villalba Bologna, Villa Torri Hospital Bologna e Salus Hospital Reggio Emilia.  In Italia le altre strutture coinvolte sono: Clinica Santa Caterina da Siena Torino, Iclas Rapallo, Istituto Clinico Cardiologico Roma, D’Amore Hospital Taranto, Anthea Hospital Bari, Città di Lecce Hospital, Poliambulatorio Medicol Conversano, Maria EleonorA Hospital Palermo.