L'esperienza di ICLAS e Villa Serena all'Obesity Day e al Congresso SICOB

L'esperienza di ICLAS e Villa Serena all'Obesity Day e al Congresso SICOB

L’obesità è una vera e propria epidemia, con dati preoccupanti in tutta Italia, anche per quanto riguarda la fascia pediatrica.

Nel 2019 risultava che in Italia 4 adulti su 10 fossero in sovrappeso e un adulto su 10 in obesità (fonte: sorveglianza PASSI). La situazione per i bambini non era diversa: 1 bambino su 5 in sovrappeso e 1 su 10 obeso (dati: Okkio alla Salute). 

Secondo i dati raccolti dall’Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione clinica ADI, la sospensione delle attività cliniche, la sedentarietà e l’impatto emotivo della pandemia da Covid-19 hanno avuto ripercussioni importanti sulla salute dei pazienti obesi. Aumento ponderale, insonnia, difficoltà a seguire la dieta, difficoltà emotive hanno colpito soprattutto coloro i quali hanno interrotto la loro routine quotidiana durante le restrizioni. 

Queste evidenze sono state al centro di ObesityDay, l’iniziativa di sensibilizzazione e prevenzione dell’obesità promossa da ADI, lo scorso 10 Ottobre, con il coinvolgimento di 130 centri afferenti, in tutta Italia.

La dott.ssa Paola Genovese, Responsabile del Percorso di Cura della Grave Obesità di ICLAS a Rapallo e parte del team multidisciplinare dell’ambulatorio di Dietologia di Villa Serena di Genova, è intervenuta come relatrice all’evento.

“Lo scopo di ObesityDay è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica nei confronti dell’obesità e di aumentare la consapevolezza dell’impatto dello stigma legato al peso corporeo. Altro goal è quello di individuare le azioni per migliorare la qualità della vita. Una prima azione concreta, ad esempio, è quella di diffondere a pazienti e media i dati preliminari di una survey su crononutrizione, qualità del sonno e peso corporeo, attraverso un questionario che mira a capire l'impatto dell’alimentazione quotidiana sul peso corporeo”, spiega la dott.ssa Genovese.
“Durante l’evento si è posto anche l’accento sulla necessità di aiutare le persone a superare le barriere che sorgono a causa dello stigma, che può impedire di ottenere il trattamento medico ottimale di cui hanno bisogno”.

Per tutta la settimana dall’11 al 18 ottobre, il team dell’ambulatorio di Dietologia - Ambulatorio per la Valutazione per la Chirurgia Bariatrica si è messo a disposizione dei pazienti attraverso una serie di colloqui online, per fornire informazioni utili e consigli su come cambiare stile di vita per combattere e prevenire l’obesità. 

L'esperienza di ICLAS e Villa Serena al XXIX Convegno Nazionale SICOB dedicato alla Chirurgia Bariatrica

Dal 6 al 10 ottobre, si è tenuto anche il XXIX Convegno Nazionale organizzato dalla Società Italiana di Chirurgia dell’Obesità SICOB, a Firenze.

Tra gli speaker la dottoressa Francesca Mandolfino Chirurga Bariatrica di ICLAS e sempre anche nel team di Villa Serena. La dottoressa è intervenuta in due videoconferenze, entrambe con focus sulla tecnica chirurgica di sleeve gastrectomy.

“ll congresso nazionale SICOB consente un confronto tra i migliori specialisti che quotidianamente affrontano la patologia obesità nella sua interezza" - ha spiegato la dottoressa. "I miei interventi si sono concentrati sulla nostra esperienza relativa ai risultati a distanza della sleeve gastrectomyintervento chirurgico in cui si confeziona una tasca gastrica stretta e allungata (“sleeve” significa manica) senza modificare l’assorbimento intestinale. Ad oggi è l’intervento più eseguito a livello italiano e garantisce, nei pazienti idonei, ottimi risultati sia sulla riduzione del peso corporeo, sia sulla risoluzione o significativo miglioramento delle malattie correlate come il diabete mellito, la steatosi epatica, l’ipertensione arteriosa e i dolori articolari”.

Per informazioni e per approfondire leggi anche -> Trattamento dell'obesità: il nuovo Ambulatorio per la valutazione della Chirurgia bariatrica

 
Revisione medica a cura di: Genovese Paola , Mandolfino Francesca
Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.