Maria Eleonora Hospital

Presidente:Ettore Sansavini
Amministratore Delegato: Aldo Panci
Presidente Onorario: Giovanni Piccinelli
Direttore Sanitario: Dott. Rosario Aldo Panci

Posti Letto: 68 - U.T.I.: 8
Struttura accreditata: S.S.N.
Struttura Certificata: ISO 9001:2008
 

Introduzione alle attività e alle dotazioni

La struttura ospedaliera dispone di 68 posti letto per ricoveri di diagnosi e cura e offre prestazioni in regime di ricovero ordinario relative alle seguenti specialità:

  • Chirurgia Cardio-Toraco-Vascolare con Servizio di Emodinamica ed Elettrofisiologia e Cardioaritmologia
  • Cardiologia con Unità di Terapia Intensiva Cardiologica
  • Microchirurgia oculare

La struttura è stata autorizzata a poter effettuare ricoveri in Day Surgery Polispecialistico: sono stati accreditati in tal senso, dalla Regione Siciliana, 6 posti letto. Nell’ambito dell’Unità Funzionale di Microchirurgia oculare si effettuano interventi di cataratta in regime ambulatoriale. Il comparto operatorio è costituito da quattro sale operatorie, di cui due dedicate esclusivamente alla Chirurgia Cardio-Toraco-Vascolare e due polivalenti. Il servizio di Terapia Intensiva è dotato di 8 posti letto, tutti attrezzati con monitoraggio continuo del ricoverato e con dispositivi per la prevenzione delle piaghe da decubito. La struttura è inserita nel servizio telematico in rete (Pronto Soccorso 118) con un presidio interno per l’Emergenza cardiaca.

Maria Eleonora Hospital dispone inoltre di:

  • Ambulatorio Polispecialistico (Via Paolo Gili, 60 – Tel. 091 6512983)
  • Laboratorio Analisi
  • Servizio di Diagnostica per Immagini (Radiologia Tradizionale, TAC spirale multistrato, Ecotomografia ed Ecocolor-doppler)

Storia

L’edificio oggi sede di Maria Eleonora Hospital viene realizzato negli anni Sessanta per ospitare la clinica privata Arcobaleno, che punta sulle specialità di ostetricia, ginecologia, medicina generale e urologia. All’inizio degli anni Ottanta la gestione viene affidata ad una società che tenta l’avventura della cardiochirurgia, ma per varie vicissitudini va incontro al fallimento civile decretato nel 1984. La struttura resta chiusa fino al 1991, quando GVM Care & Research ne perfeziona l’acquisto e la ribattezza Villa Maria Eleonora Hospital, puntando da subito sulla cardiochirurgia. Fino al 1996 lavora con la Legge Regionale 66, che consente un rimborso diretto dalla Regione a fronte di una lista d’attesa della struttura pubblica, poi dal 1997 inizia ad operare col sistema dei DRG. Dopo aver toccato un picco massimo di 1200 interventi nel 2003, la Cardiochirurgia di Maria Eleonora Hospital si assesta su una media di 550 interventi annui, ma nel frattempo aumenta l’attività di emodinamica, che assorbe parte dei casi affrontati in precedenza dai cardiochirurghi. La struttura si pone ora quale uno dei principali centri di riferimento a livello regionale nell’erogazione di prestazioni d’Alta Specialità, sempre più richieste sul territorio.