Maria Eleonora Hospital / 17 luglio 2020

A Maria Eleonora Hospital, oltre 100 interventi in meno di un mese dalla riapertura post -Covid

A Maria Eleonora Hospital, oltre 100 interventi in meno di un mese dalla riapertura post -Covid
Dalla ripresa delle attività, avvenuta il 19 giugno scorso dopo un processo di adeguamento alle normative e ai protocolli anti-Covid, Maria Eleonora Hospital ha eseguito, in poco meno di un mese, oltre 100 interventi chirurgici, 22 interventi di Aritmologia ed Elettrofisiologia e 108 interventi di emodinamica. 

L’Ospedale ha ripreso le attività a pieno regime sin dai primi giorni dopo la riapertura – dichiara il dott. Vincenzo Sutera, Direttore Sanitario pro-tempore di Maria Eleonora Hospital –. Fino ad ora abbiamo eseguito 31 interventi di Cardiochirurgia, 22 di Chirurgia vascolare, 5 interventi di sostituzione della valvola aortica con tecnica TAVI, 1 endoprotesi vascolare aortica, 12 interventi di Urologia, 38 interventi di Oculistica. A questi si aggiungono 22 interventi di Aritmologia ed Elettrofisiologia, di cui nel dettaglio 2 sostituzioni di defibrillatore, 3 sostituzioni di pacemaker, 13 impianti di pacemaker, 4 impianti di defibrillatore, e 113 interventi di Emodinamica ripartiti in: 80 coronarografie, 7 angioplastiche coronariche, 21 angioplastiche periferiche, di cui 3 urgenze provenienti dagli ospedali pubblici.”.  

I pazienti accedono all’ospedale tramite percorsi Covid free e dopo un protocollo che prevede un triage telefonico e un tampone naso-faringeo 48 ore prima del ricovero e il differimento del ricovero in caso di positività. Anche per i pazienti trasferiti da altri ospedali, il ricovero avviene previo invio da parte della struttura di provenienza di tutta la documentazione e degli esiti del tampone.  

In ottemperanza alla normativa anti-Covid, al momento del ricovero i pazienti vengono accolti da un infermiere all’ingresso e, dopo un ulteriore triage, accompagnati in struttura attraverso percorsi dedicati. All’interno dell’ospedale si utilizzano tutti i DPI stabiliti dal Ministero e, in caso di paziente non autosufficiente che richiede assistenza di un famigliare, si sottopone a tampone anche l’accompagnatore, che ha l’obbligo di rimanere all’interno della struttura per l’intera durata del ricovero.
 
“Questi primi 100 interventi sono espressione di una efficiente riorganizzazione della struttura per rispondere alle numerose richieste arrivate non solo dal territorio ma anche dalle province limitrofe – dichiara il dott. Giuseppe Rago, AD di Maria Eleonora Hospital –. Parallelamente a questa fase più operativa stiamo lavorando in collaborazione con l’Assessorato della Regione Sicilia per implementare alcuni progetti che interesseranno la città. Mentre con l’Università di Palermo stiamo lavorando ad un progetto di convenzione strutturale per il supporto alla didattica”.

 
Revisionato da: Sutera Vincenzo
Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.