Ospedale San Carlo di Nancy / 24 novembre 2022

Recuperi più rapidi con la chirurgia mininvasiva dell’anca

Recuperi più rapidi con la chirurgia mininvasiva dell’anca
Tornare a camminare e guidare con un ricovero di soli due giorni: grazie alle tecniche mininvasive di chirurgia all’anca il recupero avviene in tempi record. Non è una fortunata coincidenza, ma il risultato dei grandi passi compiuti dalle tecniche chirurgiche negli ultimi 10-15 anni. Oltre all’innovazione tecnologica, a cambiare è stata anche la tipologia di pazienti che si sottopongono ad interventi di protesi all’anca. E con loro, sono cambiate le aspettative sulla ripresa delle attività possibili dopo l’intervento.

Il cambio di prospettiva

“I pazienti che arrivano oggi a questo tipo di operazioni hanno delle richieste molto più ambiziose- spiega il dottor Mario Tartarone, direttore del dipartimento di Ortopedia e Traumatologia e responsabile dell’Unità di Chirurgia Protesica dell’Ospedale San Carlo di Nancy - La protesi all’anca infatti non riguarda più solo persone anziane, che vogliono riuscire a camminare senza bastone e in maniera indolore, ma anche persone più giovani, che desiderano tornare non solo alle attività quotidiane ma anche a praticare attività sportiva come facevano prima dell’insorgenza del dolore”. Persone che, ad esempio, sono nate con una displasia o con una patologia artrosica, e che cominciano ad avere problemi di deambulazione o dolore intorno ai 40-45 anni di età.  La chirurgia mininvasiva offre una soluzione. Applicata all’anca permette di accedere all’osso senza incidere i muscoli o tagliare i legamenti, scegliendo anche tra diverse vie d’accesso - tendenzialmente si parla di accessi per via anteriore o laterale, con una incisione che va dai 5 ai 7 cm.

I vantaggi della microchirurgia

Come spiega il dottor Tartarone, questo comporta molteplici vantaggi: “In primis, garantisce un minor sanguinamento post operatorio, rendendo non necessari i drenaggi dalla ferita chirurgica e accorciando quindi drasticamente i tempi di ospedalizzazione del paziente, che dopo pochissimi giorni può essere dimesso già in grado di deambulare autonomamente. Per tornare a svolgere attività sportive di intensità medio alta è necessario attendere i naturali tempi di recupero muscolare e seguire una riabilitazione di almeno un paio di mesi generalmente, ma il ritorno alle attività quotidiane di base è pressoché immediato”. 

Un altro vantaggio legato alla chirurgia mininvasiva è, inoltre, l’impianto di protesi molto più piccole rispetto a quelle utilizzate con lo strumentario chirurgico tradizionale: “Un vantaggio per il paziente sia nell’immediato, per quanto concerne i tempi di recupero, ma anche per il futuro del paziente” ha aggiunto il dott. Tartarone. Laddove si rendesse necessario intervenire nuovamente sulla protesi per qualsiasi problematica traumatica o di usura, il chirurgo potrà più facilmente revisionare la protesi avendo a disposizione una maggior quantità di osso su cui impiantare la nuova protesi con minori difficoltà. 
Per maggiori informazioni 
CHIAMACI  SCRIVICI
Revisione medica a cura di: Prof. Mario Tartarone
Le informazioni contenute nel Sito, seppur validate dai nostri medici, non intendono sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.
MyGVM App
MyGVM

Prenotazioni e appuntamenti nel palmo della tua mano

La nuova app MyGVM ti permette di prenotare visite negli ospedali e poliambulatori GVM, gestire gli appuntamenti e controllare l’esito degli esami di laboratorio direttamente dal tuo telefonino! Scaricala ora: