Urologia

Specialità di ricovero

Prenotazioni Ricoveri Relazioni con il pubblico

Da Lunedì a Venerdì 8.30- 13.30
Tel. 0546 671509 - 671570

Accettazione

Da Lunedì a Sabato 7.30- 13.00
Tel. 0546 671502

Pagamenti

Da Lunedì a Venerdì 7.30- 20.00
Tel. 0546 671501

Specialisti

Responsabile: Dott. Rava Giuliano
Dott. Severini Giuseppe

L’Unità Operativa di Urologia si occupa di tutte le patologie dell’apparato genito-urinario maschile e femminile (reni, ureteri, vescica, prostata, organi genitali).

Il trattamento terapeutico prevede interventi dedicati alla prevenzione e cura delle principali affezioni - siano esse di natura benigna o maligna - attraverso visite specialistiche e specifici programmi di diagnostica per immagini utili alla corretta valutazione clinica e, laddove necessario, all’opzione chirurgica più idonea e meno traumatica per il paziente.
 
Tra i campi a maggior specializzazione, l’oncologia urologica - specie quella indirizzata alle neoplasie prostatiche - riveste un ruolo di primo piano e dispone oggi di moderni protocolli d’indagine nonché efficaci procedure operatorie.
 
 

CARCINOMA della PROSTATA:
Risonanza Magnetica Multiparametrica e Biopsia Fusion

La biopsia transrettale o transperineale rappresenta, da sempre, l’esame di primo livello nell’identificazione del carcinoma della prostata (ghiandola maschile). Ma allo stato attuale ha subito un’importante e rivoluzionaria trasformazione dopo l’avvento della Risonanza Magnetica Multiparametrica.
 
La Risonanza Magnetica Multiparametrica - indagine non invasiva e che non richiede l’irradiazione con raggi X - viene in aiuto degli specialisti, durante l’esecuzione della biopsia, evidenziando solo i tumori potenzialmente pericolosi.

Il tessuto da sottoporre ad analisi istologica risulta, pertanto, unicamente prelevato dalle aree bersaglio: e ciò sulla base dei precisi riscontri anatomici ottenuti “fondendo” le immagini di questa particolare Risonanza a quelle dell’ecografia tradizionale.

La biopsia effettuata tramite l’integrazione strumentale - Ecografia endorettale+Risonanza Magnetica Multiparametrica - si chiama Biopsia Fusion. Oltre ad essere più mirata è meglio tollerata, riducendo al contempo alcune delle più comuni complicanze da biospia transrettale come: l’ematuria, l’emospermia, la proctorragia, le infezioni urinarie e le prostatiti acute.