Ortopedia e Traumatologia

Specialità di ricovero

Prenotazioni Accettazione

Da Lunedì a Venerdì 7.30 - 19.30
Sabato 8.00 - 14.00
Tel. 080 4080111


L'unità operativa si occupa della diagnosi e del trattamento delle patologie traumatiche e degenerative dell'apparato locomotore tramite l'impiego di tecniche chirurgiche tradizionali, mini-invasive e artroscopiche  L’attività operatoria si articola nei cinque giorni lavorativi della settimana su pazienti in regime di ricovero ordinario.

In regime di ricovero vengono trattate anche patologie tradizionalmente legate allo sport, che interessano sia l’arto inferiore, ( legamenti e menischi), sia l’arto superiore, (problemi ai tendini e instabilità della spalla). Presso Villa Lucia Hospital si eseguono inoltre trapianti di cartilagine.
 

Gli interventi chirurgici

L'equipe di chirurgia ortopedica si avvale di strumentazioni di ultima generazione e di metodiche innovative per consentire al paziente un recupero veloce e senza traumi post operatori. I tempi di degenza vanno da 1 a 2 giorni.

Per gli interventi che prevedono l’inserimento di protesi il paziente operato al 5° giorno di degenza viene trasferito presso l’Unità Operativa Riabilitativa Funzionale per non interrompere il programma di riabilitazione 

Sono diversi gli ambiti di intervento, a seconda della parte del corpo interessata dalla patologia o dal trauma. Di seguito i casi più frequenti:
 
  • Chirugia del Ginocchio
La chirurgia del ginocchio può prevedere interventi maggiori (protesi totali, monocompartimentali e revisioni, osteotomie correttive, riallineamenti rotulei, trapianti osteocondrali e cartilaginei, trapianti meniscali, trattamento delle pseudoartrosi, trattamento della patologia oncologica) e interventi minori (chirurgia artroscopia dei legamenti, e della cartilagine.
  • Chirurgia di anca e bacino 
Gli interventi maggiori di chirurgia di anca e bacino interventi maggiori sono: protesi, endoprotesi, revisioni protesiche, osteotomie, interventi di sintesi e grande traumatologia, trattamento della pseudoartrosi e trattamento della patologia oncologica. L'intervento minore invece consiste nella artroscopia dell’anca.
  • Chirurgia di spalla e gomito
Rientrano negli interventi maggiori di spalla e gomito la chirurgia protesica di spalla e gomito (rivestimento, su frattura, inversa o da revisione), traumatologia e trattamento delle pseudoartrosi. Si effettuano inoltre, per casi più lievi, interventi artroscopici per il trattamento delle instabilità, della cuffia dei rotatori, delle lesioni cartilaginee ed osteocondrali, e inoltre per il trattamento di laterjet, rigidità del gomito ed epicondilite.
  • Chirurgia della caviglia
La chirurgia della caviglia punta al ripristimo delle deformità congenite ed acquisite, oltre al trattamento delle pseudoartrosi.
 
  • Chirurgia di mano e polso 
​​Gli interventi alla mano sono cosiddetti a cielo aperto e sono finalizzati al trattamenti di artrosi di scafoide e artrosi trapezio metacarpale e tunnel carpale. Attraverso tecniche mininvasive vengono l'equipe si occupa di traumatologia e trattamento delle pseudoartrosi.
 
  • Chirurgia del piede
La chirurgia del piede mira a curare le patologie da alterata biomeccanica (alluce valgo, rigido, piede piatto, scafoide accessorio), le patologie del retro-piede (artroscopie, artrodesi), oltre al tradizionale trattamento delle pseudoartrosi.
 
  • Chirurgia della rachide 
L'equipe di ortopedici specialisti esegue sia interventi maggiori che minori. Nel dettaglio si tratta di: asportazione ernie discali, decompressioni del canale vertebrale, stabilizzazioni del rachide per patologia traumatica o degenerativa con sistemia cielo aperto (viti e barre) e percutanee. Vengono inoltre trattate le fratture con metodiche open o percutanee (vertebroplastica, cifoplastica).


Chirurgia protesica mininvasiva
L’Unità operativa di Ortopedia utilizza protesi che ben si adattano alla morfologia dell’articolazione compromessa e hanno caratteristiche conformi alla biomeccanica articolare. L’operatore va ad asportare soltanto il tessuto dell’arto interessato dalla  patologia.

> Interventi di riprotesizzazione
Uno dei campi di applicazione di tali interventi è la gestione delle perdite ossee nei fallimenti meccanici di precedenti impianti protesici, attraverso tecniche di miscelazione di cellule staminali, fattori di crescita ematici e midollari, innesti ossei umani omologhi, associati ad impianti protesici dedicati con rivestimenti ad elevato potere osteointegrante.
 
Altra prerogativa del reparto è la gestione di una delle più temibili complicanze legate alla chirurgia protesica: i fallimenti settici degli impianti protesici, trattati secondo protocolli internazionalmente riconosciuti.

>Trapianti di cartilagine
Presso l’Ospedale si eseguono procedure di alta specialità con tecniche chirurgiche avanzate che comportano un risparmio tissutale (la c.d. Tissue Sparing Surgery), ossia, finalizzate sia al rispetto dei tessuti nobili muscolo-tendinei nella fase di esecuzione dell’accesso chirurgico, sia nel rispetto dello stock osseo, nella fase di impianto della protesi articolare.
 

Il recupero rapido del paziente

 
Si chiama tecnicamente “rapid recovery” e consiste nel recupero – in tempi decisamente più ridotti rispetto al passato - dell'autonomia funzionale del paziente sottoposto a intervento di chirurgia protesica  di anca, ginocchio e spalla.
Il protocollo prevede: 
  1. tecniche chirurgiche meno invasive e meno lesive
  2. via d’accesso anteriore mininvasiva dell’anca
  3. somministrazione di farmaci in grado di ridurre la sensibilità al dolore
  4. procedure anestesiologiche moderne per il controllo del dolore
  5. riduzione del 90% del numero delle trasfusioni con meno rischi di infezioni, trombosi, scompenso cardiaco, aritmie. Etc

I vantaggi:

  • possibilità di tornare a deambulare in maniera  autonoma dopo 2-3  giorni dall’intervento
  • tempi di degenza ridotti e dimissioni precoci
  • recupero delle attività quotidiane.