RX Rachide Toraco-Dorsale

La RX Rachide Toraco-Dorsale è un esame radiologico che sfrutta le radiazioni ionizzanti (raggi X), per ottenere immagini inerenti le ossa e le vertebre che compongono il tratto dorsale della colonna vertebrale, evidenziando eventuali anomalie.

Che cos’è?

La RX Rachide Toraco-Dorsale è un esame diagnostico che viene utilizzato per indagare eventuali anomalie che interessano il rachide dorsale, il tratto più lungo della colonna vertebrale, posto fra la parte cervicale e la parte sacrale, costituito da 12 vertebre.

Pur impiegando radiazioni ionizzanti, le macchine in uso oggi consentono di ridurre le emissioni dei raggi X la durata dell’esposizione, così che anche i rischi sulla salute siano ridotti.

La RX Rachide Toraco-Dorsale viene prescritta quando c’è necessità di accertare la presenza di:
  • Patologie posturali, come cifosi, lordosi o scoliosi
  • Eventi traumatici che possono provocare fratture delle ossa e delle vertebre
  • Patologie degenerative, come artrosi, reumatismi, osteoporosi
  • Patologie congenite, come spina bifida, rachitismo.

Per eseguire la RX Rachide Toraco-Dorsale non è necessaria alcuna preparazione preventiva, né presentarsi a digiuno, o interrompere l’assunzione di eventuali farmaci.

Il paziente deve togliere eventuali oggetti metallici così che non interferiscano con la rilevazione delle immagini e deve, invece, indossare il camice di piombo che permette di ridurre l’assorbimento delle radiazioni.
L’esame, indolore e sicuro, dura circa 10 minuti e si svolge con il paziente sia in piedi che disteso su un lettino a pancia in su.

L’operatore può richiedere al paziente di fare degli spostamenti, come mettersi su un fianco o spostare le braccia al fine di rilevare meglio le immagini. Non essendo somministrati farmaci, il paziente non ha necessità di essere accompagnato.

 

La RX Rachide Toraco-Dorsale può essere eseguita da tutti, purché in possesso di prescrizione medica.
È controindicata in gravidanza e nei bambini piccoli che possono avere difficoltà a rimanere fermi durante l’esame.

Le strutture che trattano questa visita