Città di Lecce Hospital

Nuove tecniche mininvasive per trattare le patologie vertebrali

03 febbraio 2020
Nell’ambito della Neurochirurgia l’equipe di Città di Lecce Hospital ha sviluppato di recente numerose tecniche di chirurgia vertebrale avanzata che interessano patologie quali ernia al disco, stenosi vertebrale e instabilità vertebrale. Grazie a metodiche mininvasive e tecniche microchirurgiche, oggi è possibile ridurre i tempi di ripresa dei pazienti e limitare gli eventuali danni collaterali della chirurgia classica.
Ce ne parla il dottor Daniele Di Maggio, neurochirurgo ed esperto di Terapia del dolore di Città di Lecce Hospital.
 
Dottor Di Maggio quali sono le tecniche innovative di chirurgia vertebrale?
“Una delle tecniche mininvasive relative alla chirurgia vertebrale più impiegate è la stabilizzazione per via percutanea che consiste nel posizionamento di alcune viti utili a stabilizzare la colonna attraverso delle piccole incisioni cutanee a livello paravertebrale di massimo 2 centimetri. Le piccole incisioni hanno chiaramente un impatto traumatico sull'organismo molto ridotto rispetto all'intervento classico”.
 
Quali sono i vantaggi?
“A differenza della metodica open, la tecnica percutanea consente al paziente una ripresa più veloce perché causa un minor sanguinamento durante l'intervento e ha  esiti meno traumatici sulla massa muscolare, quindi meno dolore”.
 
Come si può intervenire in modo mininvasivo sull’ernia del disco?
“Utilizziamo tecniche microinvasive anche per questa patologia, come la microdiscectomia. In anestesia locale attraverso una cannula si introduce la fibra che trasporta la luce laser e vaporizza il nucleo del disco e di conseguenza decomprime la radice nervosa infiammata che causa dolore. L’intervento dura 10 minuti e dopo circa due ore il paziente può stare in piedi e camminare”.
 
Un’altra patologia molto diffusa è il mal di schiena. Come si tratta?
“Molte persone soffrono del classico mal di schiena, che si verifica quando c'è una infiammazione delle articolazioni per processi artrosici di vario genere. A causa della infiammazione, lo sfregamento delle faccette articolari causa dolore. A Città di Lecce Hospital abbiamo introdotto la metodica della radiofrequenza delle faccette articolari, ossia la ablazione della sensibilità delle faccette articolari che permette di ridurre il dolore. Anche questa è una tecnica molto rapida che si esegue in anestesia locale e consente al paziente di tornare a casa in giornata con una netta riduzione della sintomatologia dolorosa.”.
 

Per maggiori informazioni contatta la struttura allo 0832.229111 oppure scrivici tramite form.
 

Condividi