/ 14 ottobre 2020

Gli sviluppi nella chirurgia protesica di anca e ginocchio

Gli sviluppi nella chirurgia protesica di anca e ginocchio
A Città di Lecce Hospital vengono eseguiti sia primi impianti di protesi che impianti di revisione con tecniche all’avanguardia e materiali sempre più performanti. A spiegare nel dettaglio l’evoluzione della chirurgia protesica nell’ospedale, il Dott. Felice Fitto, responsabile della Unità di Ortopedia.
 

Dottor Fitto, come vengono eseguiti gli interventi per l’artrosi di anca e ginocchio?

“Gli sviluppi della chirurgia nel corso degli anni sono stati diversi e hanno riguardato sia i materiali con protesi sempre più performanti sia le tecniche. Oggi si punta a dare al paziente un rapido recupero, con  minore perdita di sangue durante gli interventi e con cicatrici ridotte, in modo tale da recuperare appieno una buona qualità della vita”.
 

Che cosa si intende per mininvasività?

“Le incisioni chirurgiche più piccole non sono soltanto piccoli tagli cutanei, ma riguardano anche i tessuti interni che in questo modo non subiscono grandi traumi e le strutture muscolari, tendinee e capsulari che vengono preservate per permettere al paziente un rapido recupero post operatorio che normalmente avviene in terza - quarta giornata dopo l'intervento”.
 

Come si svolge il follow – up dopo l’intervento?

 “Se tutte le condizioni sono ottimali, il paziente viene dimesso e c’è la possibilità di continuare il programma di riabilitazione nella nostra struttura con gli specialisti di Fisiatria. Gli ulteriori controlli avvengono a distanza di un mese con una serie di esami radiografici che servono a verificare il corretto decorso post operatorio e/o eventuali problematiche in maniera tale da intervenire tempestivamente e dare pronte risposte”.
 
 
Per maggiori informazioni contatta la struttura allo 0832.229111 oppure scrivici tramite il form dedicato.