Anthea Hospital / 02 dicembre 2021

Quando la protesi al ginocchio è dolorosa

Quando la protesi al ginocchio è dolorosa
Negli ultimi venti anni, in base ai dati dell’Istituto Superiore di Sanità e del Registro Italiano ArtroProtesi, si è osservata una crescita costante degli interventi di artroprotesi: in particolare, il numero di sostituzioni protesiche del ginocchio è raddoppiato negli ultimi 15 anni. La tendenza è dovuta in parte all’incremento della longevità, che fa aumentare il numero dei pazienti candidati, dall’altra al miglioramento delle prospettive e della qualità della vita.

L’intervento di protesi di ginocchio è caratterizzato da un tasso di successo del 96%, spiega il Dott. Andrea Mocci, Responsabile della Unità Operativa di Ortopedia di Anthea Hospital, a cui abbiamo chiesto a cosa è dovuto il restante 4% e come si interviene.

Dott. Mocci, cosa fare in presenza di problematiche post intervento?

Le complicanze possono portare a rigidità, infezioni, mobilizzazioni, ed è fondamentale - per evitare un peggioramento della situazione o un ulteriore insuccesso - comprendere la natura del problema e orientarsi correttamente verso una soluzione. Il primo quesito su cui concentrarsi è senz’altro se si tratti di una problematica di natura meccanica o no.

Quali sono i problemi di natura meccanica alla protesi al ginocchio e come si interviene?

Tra le principali complicazioni di origine meccanica troviamo quelle legate al “sizing”, cioè al dimensionamento della protesi, per cui quest’ultima risulta troppo rigida o troppo lassa. Esami radiologici, TC e una valutazione clinica dello specialista consentono di definire le dimensioni dell’impianto in rapporto alle dimensioni del ginocchio.

Un’altra eventualità meccanica è una non ideale integrazione delle componenti protesiche con l’osso. In tal caso gli esami radiologici sono in grado di rilevare le ombre intorno all’impianto caratteristiche di questa problematica e un esame scintigrafico, eseguito dopo almeno un anno, risulterà positivo.

Come si interviene in caso di problemi meccanici sulla protesi al ginocchio?

Nel caso dei problemi meccanici citati, si interviene con una revisione dell’impianto, ovvero con un secondo intervento con espianto della protesi e il posizionamento di un’altra a maggiore tenuta.

Quali sono i problemi non meccanici in cui è possibile incorrere?

La complicanza più temuta di un impianto protesico è non meccanica: si tratta dell’infezione, che ha l’1% di possibilità di verificarsi. Le tecniche di diagnosi di infezione protesica negli ultimi anni hanno conosciuto importanti innovazioni, soprattutto in seguito alla Consensus Conference di Philadelphia (2013), che ha sottolineato l’importanza del liquido sinoviale (il fluido che protegge le superfici delle articolazioni) e delle sue caratteristiche per una diagnosi di infezione. In caso di sospetta infezione, si procede indagando con sistemi colturali di batteri nel liquido e/o di percentuali di alcune cellule (percentuali globuli bianchi, percentuale di granulociti). Si tratta di un tipo di analisi di laboratorio avanzate, da eseguire presso strutture con attrezzature adeguate per arrivare alla diagnosi di infezione.

Come si procede una volta effettuata la diagnosi di infezione?

La procedura prevede un intervento in due tempi. Si procede prima con l’asportazione della protesi e il posizionamento di una protesi temporanea con somministrazione di una terapia antibiotica ad ampio spettro. Una volta identificato il germe specifico attraverso le colture in laboratorio, è possibile iniziare con una terapia antibiotica mirata. In un secondo tempo, una volta bonificato il territorio, viene effettuato un nuovo intervento per asportare la protesi temporanea e impiantare una protesi di revisione.

La corretta conoscenza dei meccanismi di diagnosi è fondamentale per affrontare quello che per il paziente può essere un doppio trauma, dovendo ricorrere nuovamente alla chirurgia dopo il primo intervento.
 
Per maggiori informazioni contatta la struttura allo 080 5644111 oppure scrivici tramite form
 
Revisione medica a cura di: Dott. Andrea Mocci
Le informazioni contenute nel Sito, seppur validate dai nostri medici, non intendono sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Articoli correlati a Quando la protesi al ginocchio è dolorosa

23 maggio 2022 - GVM

Patologie di ginocchio, anca e spalla: il percorso diagnostico

Nell’ambulatorio di Ortopedia vengono trattate patologie degenerativa, ma anche problematiche da trauma sportivo  
06 aprile 2022 - GVM

Un robot per protesi di ginocchio precise al millimetro: il primo "Navio" della Puglia

VIlla Lucia Hospital esegue interventi mininvasivi di protesica con l’ausilio di una tecnologia d’avanguardia a beneficio del paziente
14 febbraio 2022 - GVM

Chirurgia protesica dell’anca e del ginocchio: tempi di recupero ridotti con il Fast Track

l Fast Track è una chirurgia dal percorso rapido, grazie alla quale i pazienti possono essere dimessi dopo circa 3 giorni  
14 febbraio 2022 - GVM

Chirurgia protesica di revisione di anca e ginocchio: il percorso del paziente

Quali sono le cause, i sintomi e il trattamento dopo la diagnosi in caso di impianti protesici falliti
01 febbraio 2022 - GVM

Chirurgia computer assistita in ortopedia: i vantaggi per protesi di anca e ginocchio

Una procedura avanzata che mette a disposizione del chirurgo un’immagine virtuale dettagliata dell’articolazione da operare
16 aprile 2021 - GVM

Dolore al ginocchio, quando fare la risonanza magnetica?

Il dolore al ginocchio può dipendere da problematiche legate alle strutture all’interno dell’articolazione, è essenziale individuare correttamente le cause del dolore prima di intervenire con eventuali infiltrazioni e...
14 ottobre 2020 - GVM

Gli sviluppi nella chirurgia protesica di anca e ginocchio

Gli sviluppi della chirurgia nel corso degli anni sono stati diversi e hanno portato a minivasività e incisioni più piccole
02 ottobre 2020 - GVM

Le protesi monocompartimentali bilaterali che “salvano il ginocchio”

Le protesi salva ginocchio perché non sostituiscono tutta l’articolazione ma solo la piccola porzione colpita dall’artrosi nella sua fase iniziale
02 luglio 2018 - GVM

Ortopedia protesica mininvasiva: la soluzione ai danni dovuti all'artrosi del ginocchio

L’articolazione del ginocchio è spesso interessata dall’artrosi, una patologia dovuta al fenomeno di usura della cartilagine di rivestimento che vede ridursi il proprio spessore fino alla sua totale scomparsa. Un certo grado...