Ospedale Santa Maria / 06 marzo 2020

Non fermarsi dopo l'intervento al seno: tempi e modi per riprendere l'attività fisica

Intervento al seno: convalescenza e tempi di recupero
Il carcinoma mammario rappresenta il 30% di tutti i tumori del sesso femminile. Nel corso del tempo, grazie alla sempre più frequente identificazione precoce di questa patologia, unita alla standardizzazione delle procedure, la sua curabilità è nettamente migliorata, fino a sfiorare oggi su base nazionale la sopravvivenza del 98%  a 5 anni negli stadi iniziali. La diagnosi precoce si rivela pertanto fondamentale per l’efficacia del trattamento: più piccolo è il carcinoma, maggiore è la possibilità di attuare una chirurgia meno demolitiva con risparmio di asportazione di linfonodi. La chirurgia senologica si orienta infatti sempre di più verso la conservazione della mammella interessata dal tumore, con un notevole miglioramento dell’estetica e del benessere generale. Ma soprattutto in seguito all’intervento chirurgico sul seno, molte donne si chiedono quanto la patologia e il suo trattamento incideranno sulla vita quotidiana. Quanto influisce ad esempio sull’attività fisica? Ne abbiamo parlato con la dottoressa Antonietta Ancona, del Centro Senologico e Breast Unit dell'Ospedale Santa Maria di Bari. 

Il tempo di recupero
Solitamente, dopo circa un mese dall’intervento chirurgico, salvo complicazioni o diverse indicazioni del medico, la paziente può riprendere qualsiasi tipo di regolare attività fisica. I tempi della riabilitazione non dipendono tanto dall’operazione in sé e dalle tipologie di intervento, quanto dalle terapie adiuvanti post-operatorie: chemioterapia, radioterapia, ormonoterapia. In quest’ultimo caso, il trattamento può essere anche molto contenuto, trattandosi dell’assunzione di una pillola per 5 anni circa. Può essere invece più lungo nel caso della chemioterapia, necessaria quando i fattori prognostici del tumore sono sfavorevoli. 

Riprendere l’attività fisica dopo l’operazione
Subito dopo l’intervento, sarà normale avere un po’ di timore nell’eseguire ogni movimento e percepire una lieve dolenzia che può interessare la mammella operata e l’arto superiore corrispondente. È quindi necessario riprendere l’attività fisica, in modo graduale, ma è molto importante farlo perchè il movimento è un elemento di prevenzione per l’insorgenza di tumori. E’ dimostrato infatti che un'attività fisica regolare e  costante contribuisce anche alla riduzione del rischio di ricaduta, in diverse tipologie di carcinoma, fra cui anche quello del seno. Per migliorare la mobilità dell’arto dal lato dell’intervento, esistono esercizi di rieducazione motoria che devono essere eseguiti nell’immediato post-chirurgico.  

Quali sport sono consigliati?
Bisogna subito chiarire che ogni caso è unico, proprio come ogni donna. Il primo passo fondamentale è quindi confrontarsi con il medico specialista, fisiatra, e con trainer specializzati: sono assolutamente sconsigliate attività fai-da-te. In seguito all’intervento, è possibile ricominciare a praticare con moderazione e pazienza quasi tutti gli sport, facendo attenzione a non scegliere esercizi che potrebbero causare ferite al braccio interessato dall’operazione. Per rimettersi in forma e accrescere il proprio benessere dopo l’operazione sono inoltre molto consigliati:
  • Passeggiata quotidiana: una delle attività che si possono riprendere fin da subito, con ottimi effetti su respirazione, circolazione, tono muscolare, appetito e naturalmente anche umore;
  • Nuoto e acquagym: dopo aver atteso la rimarginazione della ferita, è possibile dedicarsi agli sport acquatici, che si adattano molto bene al periodo di riabilitazione;
  • Palestra e ginnastica dolce: previa consulenza del medico e di un trainer in merito agli esercizi più adatti;
  • Yoga o altre discipline orientali: che contribuiscono non solo al benessere fisico, ma anche all’equilibrio psicologico.
Il recupero di normali abitudini di vita dopo un'intervento chirurgico è un aspetto essenziale per il reintegro della donna nel suo contesto sociale. La Breast Unit dell'Ospedale Santa Maria approccia il momento del post-intervento con figure professionali e specializzate, per un veloce recupero della funzionalità motoria, ma anche il miglioramento dello stile alimentare e un supporto psicologico costante. 

Scopri tutto sul modello di tratttamento, diagnosi e cura del tumore al seno della Breast Unit dell'Ospedale Santa Maria di Bari.