Villa Lucia Hospital / 29 giugno 2022

Patologia artrosica degenerativa: le terapie che contrastano il dolore

Patologia artrosica degenerativa: le terapie che contrastano il dolore
Secondo gli ultimi dati Istat, il 45,6% degli italiani sopra i 6 anni è affetto da almeno una patologia cronica: l’Ambulatorio di Terapia del Dolore nasce proprio per migliorare la qualità della vita dei pazienti che soffrono di dolore, con percorsi terapeutici e trattamenti personalizzati.

La patologia artrosica degenerativa, insieme a quella radicolare, è tra le problematiche principali per cui i pazienti si rivolgono a noi”, spiega il dott. Giuseppe Contino, medico anestesista, responsabile dell’Ambulatorio di Terapia del dolore di Villa Lucia Hospital. “In presenza di degenerazione artrosica, infatti, si genera spesso un’infiammazione che porta a un dolore diffuso”.

La Terapia del dolore si prefigge di bloccare il dolore, sia nella trasmissione che nella percezione, con trattamenti e farmaci che agiscono a livello centrale, che interferiscono nella conduzione, che lavorano sull’infiammazione per migliorare lo stato di salute dell’organismo. “Io preferisco iniziare con terapie soft, mai aggressive”, precisa il Dott. Contino, “procedendo a partire da un profilo preciso del caso e pianificando un percorso mirato”.

Come viene diagnosticata l’artrosi degenerativa?

La prima diagnosi è clinica: il paziente arriva in ambulatorio lamentando dolore e, grazie alla visita, è possibile generalmente già stabilire una causa, mentre un controllo radiologico consente di dare una conferma. In assenza di deficit motori, si parte subito con il trattamento del dolore e, se nell’arco di massimo 5 settimane non si rilevano miglioramenti, la situazione viene approfondita con indagini diagnostiche di secondo livello come risonanza magnetica o TC.

Quali sono i trattamenti più utilizzati?

Le infiltrazioni articolari danno una buona risposta, perché lavorano direttamente sulla cartilagine. L’artrosi, infatti, è proprio una degenerazione della cartilagine, il tessuto che riveste un capo articolare. In un’articolazione sana, questo tessuto è così liscio da garantire lo scorrimento tra le parti articolari di un osso sull’altro. Quando la cartilagine si deteriora, la superficie diventa più ruvida, portando a un effetto abrasivo tra i capi articolari. Nella prima fase, localmente si utilizzano infiltrazioni con cortisone, in seguito si predilige l’acido ialuronico, che migliora la lubrificazione (in quanto i capi articolari riescono a scorrere meglio uno sull’altro) e il trofismo dell’articolazione. Naturalmente, l’acido ialuronico non risolve l’artrosi: l’obiettivo è quello di rallentare la degenerazione artrosica, che porta una rigidità delle articolazioni che - a sua volta - genera l’infiammazione e, quindi, il dolore.

Vengono prescritte anche terapie farmacologiche?

Si possono prescrivere farmaci antinfiammatori e che aiutano a controllare il dolore, come farmaci analgesici centrali, premorfine, morfine e tramadolo. Si tratta, però, di sostanze il cui uso deve essere ben calibrato, in quanto possono portare a complicanze ed effetti collaterali come nausea, prurito, vomito, stipsi (e quest’ultima nell’anziano può risultare più problematica del dolore). Un aiuto, infine, arriva dagli integratori, che si spera favoriscano un ripristino e un miglioramento dello stato del trofismo della struttura. Tra le altre sostanze che vanno a rallentare dall’interno la degenerazione delle articolazioni la glucosamina solfato, un’unità costitutiva della cartilagine.
Per informazioni e prenotazioni
Chiama o Scrivi
Revisione medica a cura di: Dott. Giuseppe Contino
Le informazioni contenute nel Sito, seppur validate dai nostri medici, non intendono sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Articoli correlati a Patologia artrosica degenerativa: le terapie che contrastano il dolore

21 maggio 2021 - GVM

Dolore cronico e come trattarlo: gli Ambulatori di Terapia del dolore in Puglia

L’obiettivo è quello di gestire il dolore e migliorare la qualità della vita dei pazienti
01 ottobre 2019 - GVM

Dolore alla mano: quando rivolgersi allo specialista

In presenza di quali sontomi bisogna rivolgersi a uno specialista in Chirurgia della mano? Quali sono i soggetti più a rischio?
MyGVM App
MyGVM

Prenotazioni e appuntamenti nel palmo della tua mano

La nuova app MyGVM ti permette di prenotare visite negli ospedali e poliambulatori GVM, gestire gli appuntamenti e controllare l’esito degli esami di laboratorio direttamente dal tuo telefonino! Scaricala ora: