Città di Lecce Hospital / 14 maggio 2021

Servizio di dialisi per i turisti: vivere le vacanze in sicurezza

Servizio di dialisi per i turisti: vivere le vacanze in sicurezza
In Italia, in base ai dati del Registro Italiano Dialisi e Trapianto, voluto e gestito dalla SIA, la Società Italiana di Nefrologia, sono 45.000 i pazienti in dialisi che soffrono di insufficienza renale cronica, cui si aggiungono 27.000 persone che hanno subito un trapianto di rene.

I pazienti sottoposti a dialisi devono recarsi, generalmente tre volte a settimana, presso una struttura ospedaliera o un Centro Dialisi per una seduta della durata di tre o quattro ore. La dialisi non può essere sospesa, neanche durante le vacanze, perché è un trattamento salvavita.

Per questo Citta di Lecce Hospital, Ospedale accreditato con il SSN, rinnova la disponibilità nell’aprire anche ai turisti il proprio Servizio Dialisi. “Già da diversi anni offriamo questo servizio per vacanzieri italiani e stranieri – spiega il dottor Adriano De Giorgi, responsabile del servizio di Dialisi e Nefrologia a Città di Lecce Hospital –. Sono tante le persone che ogni estate tornano in Salento e possono contare sul nostro Centro Dialisi, che garantisce la continuità della terapia anche per pazienti non abituali. Per loro e per le loro famiglie si tratta di un’opportunità per poter vivere in sicurezza e in serenità i giorni di meritata vacanza”.
Si accede al servizio tramite prenotazione e, per farlo, basta presentare l’impegnativa del medico curante per gli aventi diritto al Servizio Sanitario Nazionale o il piano assicurativo per chi viene dall’estero.

La dialisi è un trattamento che filtra e purifica il sangue quando i reni non riescono più a svolgere la loro funzione. Nell’emodialisi, il sangue viene fatto scorrere attraverso un filtro per rimuovere le sostanze tossiche, reintegrare i radicali alcalini e liberarlo dai liquidi in eccesso che il paziente non riesce a espellere attraverso la diuresi, infine reimmesso in circolo. “Chi soffre di nefropatia cronica, altrimenti, rischierebbe un accumulo di liquidi e cataboliti (azoto, potassio e creatinina); l’anemia per la riduzione della produzione di eritropoietina, ormone che facilita la generazione di globuli rossi; edema polmonare; patologie delle ossa; complicanze cardiovascolari”, conclude il dottor De Giorgi.

L’insufficienza renale può avere cause:
  • pre-renali, se determinata da patologie come un’emorragia o una forte disidratazione;
  • renali, se innescata da patologie che colpiscono primitivamente i reni, come diabete, ipertensione, abuso di farmaci antinfiammatori;
  • post-renali, se vengono colpite le vie urinarie.
Per informazioni e spiegazioni sull'accesso alla terapia (residenti e turisti) è possibile contattare:
- Città di Lecce Hospital, al numero 0832.229111​ o compilando il form
- ASL del Comune di Lecce, chiamando il numero 0832.215111
Revisione medica a cura di: De Giorgi Adriano
Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.