Villa Torri Hospital

Stanchezza di primavera: come combattere il cambio di stagione

29 marzo 2019
Con il cambio di stagione, sonnolenza e stanchezza ci mettono KO. La natura si risveglia ma molte persone si addormentano. È importante adottare piccoli accorgimenti per vivere la primavera con una marcia in più.

“La sonnolenza – spiega la dott.ssa Anna Maria Ciriaci, specialista in Gastroenterologia presso Villa Torri Hospital di Bologna – dipende da un cambio negli ormoni. Le giornate più lunghe e la maggiore esposizione alla luce inibiscono la produzione di melatonina, che invece viene stimolata con il buio, essendo l’ormone che regola il ritmo sonno-veglia. Maggiore è la quantità prodotta, maggiori saranno i sintomi avvertiti: debolezza, ipertensione e difficolta alla concentrazione”.

“L’organismo ha bisogno di un tempo variabile per abituarsi ai nuovi ritmi. Mantenere un equilibrio tra le ore di veglia e di sonno, andando a dormire più o meno sempre alla stessa ora, è certamente un ottimo inizio. Durante il giorno si consiglia anche una blanda attività fisica quotidiana, prediligendo sport all’aria aperta”.

“Una dieta equilibrata, con apporto considerevole di prebiotici (sostanze organiche che stimolano la proliferazione di ceppi batterici buoni) e probiotici (fermenti lattici benefici per la salute) aiuta a stabilizzare la flora batterica intestinale, che può così svolgere il proprio compito di regolatore delle diverse funzioni dell’organismo, tra cui la fondamentale azione depurativa dalle tossine accumulate con gli alimenti mal digeriti”.

“Per questo sono da bandire cibi e bevande ricchi di grassi, zuccheri e alcool. Le vere alleate del benessere sono le vitamine: quelle del gruppo B danno vitalità a muscoli e sistema nervoso (contenute in legumi, ortaggi, latte, uova, cereali integrali e noci), la vitamina C è importante per le difese immunitarie (agrumi, kiwi, verdure a foglia verde, peperoni e pomodori) e la vitamina A ha una forte azione antiossidante (vegetali di colore giallo e arancio, pesce, latte e uova)”.

“Bisogna anche prestare attenzione ai sali minerali: è proprio una loro carenza che causa quella sensazione di debolezza, in particolare muscolare, e di malessere generalizzato. Per questo, gli integratori a base di magnesio, fosforo, calcio e ferro costituiscono un valido supporto, se opportunamente introdotti secondo le proprie necessità”.

Per maggiori informazioni rivolgersi telefonicamente al numero 051.9950311 o inviando una mail tramite il modulo contatti.

Condividi