Villa Tiberia Hospital / 29 giugno 2018

Macchie bianche sulla pelle: vitiligine, pitiriasi alba o versicolor

Macchie bianche sulla pelle: vitiligine, pitiriasi alba o versicolor
La comparsa di macchie bianche sull’epidermide può essere causata da diversi fattori, alcuni dei quali non vanno sottovalutati. Queste manifestazioni cutanee non sono necessariamente sintomatiche, e non sempre si presentano con attacchi di prurito o desquamazioni, ma proprio in caso di assenza di evidenti fattori di disagio è importante non rimandare un consulto con il proprio medico di base e con uno specialista dermatologo.
 
Quali sono le principali patologie della pelle che si manifestano con la comparsa di macchie bianche? Le abbiamo elencate con l’aiuto della Dott.ssa Magda D’Agostino, specialista in Dermatologia presso Villa Tiberia Hospital.
 
 
Vitiligine
 
Questa malattia, non contagiosa, è dovuta a un ipopigmentazione locale, cioè a un'alterazione del colore della pelle provocata dalla mancata produzione di melanina da parte dei melanociti. Non sempre è possibile definire con certezza una causa: in alcuni casi la familiarità è rilevante, in altri casi la malattia può essere associata al diabete di tipo 1 o a problemi alla tiroide.
 
Le macchie in questo caso si presentano asimmetriche e distribuite su tutto il corpo, con contorni più scuri e delineati. Le zone più compite sono soprattutto attorno alle unghie di mani e piedi, occhi, bocca, genitali, collo.
 
Per la diagnosi della vitiligine si usa la Luce di Wood, uno strumento grazie a cui è possibile vedere le chiazze anche su pelli molto chiare. Il percorso terapeutico, invece, prevede la fototerapia: con una particolare lampada si indirizzano sulle macchie raggi ultravioletti a specifiche lunghezze d'onda. La cura può essere associata all’assunzione di sostanze fotosensibilizzanti o, in caso di macchie di ridotte dimensioni, di creme a base di cortisone o di immunomodulatori.
 
Pitiriasi alba
 
La pitiriasi alba è una malattia che interessa principalmente bambini e adolescenti, soprattutto di sesso maschile. In genere, il disturbo si manifesta in maniera asintomatica, con una o poche macchie. Attualmente le cause non sono classificate con certezza, tuttavia si tende a considerare l’insorgenza di questa malattia in associazione con altre patologie dell’epidermide.
 
Le macchie sono di forma ovale o circolare, non sono mai del tutto bianche: i margini sono sfumati e la parte centrale desquamata. Possono comparire ovunque, ma sono più frequenti su fronte, guance, zigomi, gomiti, ginocchia e nel solco tra labbra e naso.
 
La difficoltà nello stabilire una causa pregiudica la possibilità di attuare un percorso terapeutico e di cura unico. Spesso si ricorre all’applicazione di creme emollienti o di farmaci a base di cortisone per rendere meno evidenti le macchie, agendo quindi puramente sul lato estetico.
 
Pitiriasi versicolor
 
Anche questa malattia non è contagiosa ed è provocata da un fungo (il Pityrosporum orbicolare) fisiologicamente presente sulla pelle e che in genere non crea disturbi. Per motivi genetici o in caso di eccessiva produzione di sebo, quindi intensa sudorazione o abbassamento delle difese Immunitarie però, può evolvere nella sua forma aggressiva, determinando la comparsa di chiazze.
 
Tondeggianti, con un diametro che può sfiorare i 2 centimetri, inizialmente sono color caffelatte, poi diventano bianche. Sono localizzate in particolare su collo, torace e schiena. La cura per la pitiriasi versicolor prevede l'uso di farmaci antimicotici, da prendere per bocca oppure come spray o crema, da applicare su tutta la parte interessata dall'inestetismo.
 
Per prenotare una visita o avere maggiori informazioni chiama lo 06.82098040 o contatta la struttura tramite FORM
Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.