Artroscopia della spalla: il trattamento chirurgico è mininvasivo

Artroscopia della spalla: il trattamento chirurgico è mininvasivo
L’artroscopia è una tecnica chirurgica mininvasiva utilizzata per il trattamento delle articolazioni, in particolar modo per spalla, ginocchio, anca, caviglia. Grazie alle innovazioni tecnologiche, l’applicazione per questo tipo di chirurgia è sempre più ampia, offrendo numerosi vantaggi per i pazienti rispetto agli interventi tradizionali. Una situazione in continua evoluzione, tanto che sono allo studio interventi di mini-protesi con accesso in artroscopia.

Abbiamo parlato con il dott. Massimo De Benedetto, specializzato nel trattamento delle problematiche della spalla e parte dell’équipe dell’U.O. di Ortopedia e Traumatologia di Villa Lucia Hospital, a Conversano, per capire cos’è l’artroscopia della spalla e in quali casi è indicata.

Artroscopia della spalla: cos’è

La chirurgia artroscopica di spalla è una chirurgia mininvasiva che consente di eseguire interventi con accessi di dimensioni ridotte rispetto alla chirurgia tradizionale, open. Per artroscopia si intende, infatti, la possibilità di accedere all’articolazione con una sottile rete di fibre ottiche dotata di telecamere e con strumenti operatori di pochi millimetri a seconda del tipo di intervento da effettuare.

I principali vantaggi per il paziente sono:
  • risparmio dei tessuti;
  • ridotto sanguinamento;
  • decorso post operatorio più rapido e meno doloroso.

Per quali patologie è indicata l’artroscopia della spalla

L’artroscopia viene utilizzata per la gran parte delle problematiche legate alla lesione della cuffia dei rotatori, sia nel paziente giovane che adulto, sia in caso di lesioni degenerative che traumatiche. È indicata anche nel trattamento dell’instabilità di spalla, nonché nei casi di tendinopatia calcifica, di rigidità, di Sindrome da impingement subacromiale (condizione patologica legata a alterazioni anatomiche o funzionali della cuffia dei rotatori).

Si tratta di una chirurgia indicata per tutte le fasce età, dal giovane all’adulto. Il paziente candidato viene valutato dallo specialista, dopo una attenta anamnesi, un esame obiettivo e le indagini diagnostiche necessarie (generalmente uno studio radiografico e la risonanza magnetica).

Intervento, degenza e percorso riabilitativo

Gli interventi di artroscopia della spalla hanno una durata variabile, dai 20 ai 40/45 minuti. La degenza dura generalmente una sola notte. In seguito, il paziente indossa un tutore per un periodo che varia da alcuni giorni fino a qualche settimana, per poi venir avviato al percorso riabilitativo. La durata del percorso dipende da molti fattori, età del paziente, tipo di intervento, aspettative: da qualche settimana a un massimo di 3-4 mesi.
Per informazioni e prenotazioni SCRIVI o CHIAMA
Revisione medica a cura di: Dott. Massimo De Benedetto

condividi o salva l'articolo

Le informazioni contenute nel Sito, seppur validate dai nostri medici, non intendono sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Articoli correlati a Artroscopia della spalla: il trattamento chirurgico è mininvasivo

08 settembre 2021 - GVM

Ergonomia del lavoro: quei movimenti ripetitivi che provocano dolore alla spalla

Al dolore si associa spesso la perdita di forza nel sollevare anche piccoli pesi

Prenotazioni e appuntamenti nel palmo della tua mano

La nuova app MyGVM ti permette di trovare il tuo medico preferito, prenotare visite, controllare l’esito degli esami direttamente dal tuo telefonino! Scaricala ora:
anni