D'Amore Hospital / 30 maggio 2022

Diagnosi precoce con la TC coronarica di ultima generazione

Diagnosi precoce con la TC coronarica di ultima generazione
La TC coronarica è un esame non invasivo che permette di visualizzare con estrema precisione le coronarie, le arterie che arrivano al cuore. La strumentazione a disposizione presso il D’Amore Hospital di Taranto è di ultima generazione. L’unica del territorio jonico ad acquisire con tecnologia a 128 strati di detettori, i sensori che ricevono i dati del corpo.
Maggiore è il numero di questi strati di sensori più veloce è l’acquisizione delle immagini: la velocità è fondamentale per la precisione quando si valuta un organo in movimento. Garantisce, inoltre, grazie ai più moderni software, una notevole riduzione della dose di radiazioni al paziente.
Dei vantaggi dell’apparecchio di nuova generazione e della TC coronarica, anche in ottica di prevenzione, abbiamo parlato con il dott. Delio Monaco, responsabile del reparto di Radiologia del D’Amore Hospital.

Cos’è la TC coronarica

Consiste in una TC con mezzo di contrasto cardiosincronizzata grazie all’elettrocardiogramma: durante l’acquisizione delle immagini, il segnale elettrico dell’ECG consente di individuare ogni fase del battito cardiaco. Complessi software permettono, raccolti i dati, di “fotografare” un organo in continuo movimento come il cuore.
Quali patologie consente di diagnosticare o escludere
Principalmente le stenosi o le occlusioni delle coronarie, spesso prima che abbiano determinato un infarto cardiaco o i sintomi premonitori. La TC coronarica viene anche utilizzata per valutare a distanza di tempo i trattamenti eseguiti sulle coronarie come le angioplastiche con stent o bypass aorto-coronarici. La TC è, poi, la metodica più indicata per valutare le anomalie congenite delle coronarie. Tutto questo grazie alla possibilità di mostrare dettagliatamente decorso e calibro delle coronarie in maniera del tutto non invasiva.

La scansione del torace

Un importante valore aggiunto di questo approfondimento diagnostico è la possibilità di individuare eventuali lesioni polmonari, fra cui il cancro del polmone, anche in fasi estremamente iniziali nelle quali non è visibile con altre metodiche ed è spesso curabile. Dopo l’acquisizione vascolare sul cuore in molte strutture, compreso il D’Amore Hospital, si esegue una scansione a bassa dose sull’intero torace. Oltre ai tumori del polmone, si individuano patologie polmonari flogistiche croniche e acute, che arrivano precocemente alla valutazione specialistica e agli opportuni trattamenti. Tale approccio è dettato dai comuni fattori di rischio fra patologie cardiovascolari e polmonari e consente di eseguire - contestualmente alla valutazione delle coronarie - diagnosi occasionali dall’impatto clinico rilevante.

Quando viene prescritta la TC coronarica

La selezione del paziente è un’attività eseguita in stretta collaborazione con cardiologo e cardiochirurgo. Il paziente tipo è solitamente un soggetto a “rischio intermedio” per coronaropatia. Sulla base di parametri riconosciuti da studi internazionali, infatti, le caratteristiche anagrafiche e cliniche disegnano un profilo di rischio: quelli a rischio intermedio possono avvalersi della TC coronarica. Si utilizza anche come alternativa ad altri esami (quali scintigrafia o test da sforzo) o in pazienti che rifiutino, in prima istanza, esami invasivi, come la coronarografia.
La sintomatologia è molto variabile, spesso del tutto assente, delle volte suggestiva di una possibile coronaropatia:
  • dolore al torace;
  • affanno;
  • spossatezza;
  • gonfiore dei piedi;
  •  dolore alla spalla;
  • dolore al braccio.

Prevenzione e valutazione pre-operatoria

LA TC delle coronarie è considerato sicuramente un esame preventivo: può individuare delle lesioni prima che abbiano dato sicuri sintomi o franchi infarti. In tal modo, si può trattare la stenosi o l’ostruzione prevenendo seri danni al cuore con possibili invalidità o decessi.
Il più frequente utilizzo pre-operatorio è la valutazione dell’anulus valvolare e dell’aorta ascendente nelle sostituzioni della valvola aortica o nella riparazione di aneurismi dell’aorta toracica. Un importante campo di utilizzo della TC coronarica è, appunto, la contestuale valutazione di aorta toracica e valvole cardiache.

Preparazione e controindicazioni

Per la TC coronarica non è necessaria una preparazione specifica, anche se, quando opportuno, possono essere somministrati farmaci antiallergici. I mezzi di contrasto di ultima generazione sono estremamente sicuri e ben tollerati e, in sinergia con il cardiologo o il cardiochirurgo, si possono somministrare farmaci che regolarizzano il battito cardiaco, per poter “fotografare” con maggior precisione il cuore e le coronarie.
L’indagine diagnostica dura 5-10 minuti, preceduti da pochi altri minuti per la sistemazione del paziente sul lettino della TC e per l’iniezione di mezzo di contrasto.
Le controindicazioni sono rarissime:
  • severi difetti del ritmo cardiaco che non possano essere risolti con i farmaci;
  • la difficoltà a stare steso per pochi minuti;
  • la difficoltà nel trattenere il respiro per pochi secondi.
Anche chi soffre di claustrofobia, controindicazione tipica della risonanza, può eseguire la TC delle coronarie e del cuore.
Per informazioni e prenotazioni
CHIAMA o SCRIVICI
Revisione medica a cura di: Dott. Delio Monaco
Le informazioni contenute nel Sito, seppur validate dai nostri medici, non intendono sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.
MyGVM App
MyGVM

Prenotazioni e appuntamenti nel palmo della tua mano

La nuova app MyGVM ti permette di prenotare visite negli ospedali e poliambulatori GVM, gestire gli appuntamenti e controllare l’esito degli esami di laboratorio direttamente dal tuo telefonino! Scaricala ora: