Villa Tiberia Hospital

Eczema, dermatite atopica e orticaria: ecco come riconoscerli e trattarli

07 agosto 2019
La metà delle patologie dermatologiche è  riconducibile a eczemi (o dermatiti), la cui sintomatologia più comune è data da eritema, prurito, desquamazioni.
Le cause che portano alla comparsa dell’eczema sono numerose e molto diverse tra loro: genetiche, allergiche, infiammatorie ecc.
Altra patologia estremamente comune è l’orticaria.
La dott.ssa Magda D’Agostino, specialista in Dermatologia presso Villa Tiberia Hospital, a Roma, e ci aiuta a fare chiarezza.
 
Dott.ssa D’Agostino, come riconoscere un eczema e come trattarlo?
Con “eczema”, o “dermatite”, non ci riferiamo a una patologia, ma a diverse patologie che hanno in comune alcuni sintomi: il prurito, la comparsa di eritema, la pelle che si desquama.
Gli eczemi sono caratterizzati da tre fasi: acuta, subacuta e cronica. Durante la fase acuta e subacuta la pelle è irritata, con edema e vesciche oppure secrezioni. Nella fase cronica, invece, la pelle si ispessisce e si screpola.
 
A provocare un eczema possono essere allergie alimentari, oppure allergie da contatto: in questo caso occorre individuare a cosa è allergico il paziente, eseguendo un patch test. Esistono anche cause genetiche.
L’eczema va comunque trattato con creme a base di cortisone, ma soprattutto idratando la pelle e somministrando antistaminici.
 
Cosa c’è da sapere riguardo la dermatite atopica, frequente anche nei bambini?
La dermatite atopica è un eczema “costituzionale”, le cui cause, cioè, sono genetiche, quindi interne all’organismo che ne soffre, anche se spesso compare in soggetti asmatici o allergici. Si manifesta con secchezza, prurito, arrossamenti e vescicole.
Per diagnosticarla, serve una visita dermatologica. Il trattamento prevede l’uso di creme idratanti e di lenitivi. Solo nei casi più gravi è necessaria la terapia con cortisonici.
Anche prendere il sole fa bene a chi soffre di dermatite atopica, con le dovute attenzioni durante l’esposizione.
 
Come si distingue l’orticaria e, oltre ai fattori ambientali, quali sono le cause?
Il sintomo dell’orticaria è la comparsa di pomfi più o meno arrossati. La patologia insorge  all’improvviso e può avere cause fisiche, legate a fattori ambientali come il caldo, il freddo,o l’esposizione al sole, oppure può avere una origine alimentare (in questo caso si hanno manifestazioni acute dell’orticaria) o allergica, cronica.
Generalmente si risolve spontaneamente nell’arco di qualche giorno, quindi va trattata solo nei casi in cui è necessario.
 
Ci si può esporre al sole in caso di manifestazioni di patologie dermatologiche?

Dipende dal caso. Come detto l’orticaria  è provocata spesso da fattori ambientali tra i quali l’esposizione al sole, appunto. Mentre prendere il sole fa bene nel caso di dermatite atopica. Quindi è consigliabile rivolgersi a un dermatologo che possa dare indicazioni su come trattare la patologia..
 
Questo articolo era interessante?  Leggi anche Nichel, un’allergia sempre più diffusa
 

Condividi