Ospedale San Carlo di Nancy

Malattie aterosclerotiche: l'attività di emodinamica diagnostica

16 marzo 2019
In che modo la Diagnostica per immagini può intervenire nell’individuazione di patologie aterosclerotiche? Ne parliamo con il Dott. Massimiliano Sperandio, responsabile Radiologia e Diagnostica per Immagini all'Ospedale San Carlo di Nancy, Roma
 
 
Di cosa si occupa l'Unità Operativa di Emodinamica Diagnostica?

Cominciamo col dire che l'emodinamica (o cardiologia interventistica) studia e monitora il corretto fluire del sangue, sia nel suo percorso dai vasi periferici al cuore che viceversa. L'Unità Operativa di Emodinamica Diagnostica dell'Ospedale San Carlo di Nancy è di ultimissima generazione ed è equipaggiata con due sale angiografiche con angiografi (apparecchi radiologici che servono a monitorare la salute delle vene e dei vasi sanguigni) a bassissima emissione di radiazioni e ad alta qualità di immagine.

Chi accede al reparto di emodinamica?

Vi accedono pazienti solitamente portatori o sospetti portatori di patologie aterosclerotiche delle coronarie, dunque stenosi delle coronarie. Contestualmente accedono anche pazienti con aterosclerosi delle carotidi, patologia aneurismatica dell'aorta addominale, e l'ormai noto piede diabetico, patologia che spesso trova giovamento da trattamenti endovascolari ed angioplastica.

Come si svolgono gli interventi di emodinamica?

Occorre chiarire che non si tratta di interventi chirurgici, bensì di indagini diagnostiche eseguite in via “percutanea”, cioè con l'ausilio di inserimento di piccolissime cannule o cateterini, applicati nella vena del polso, del braccio, della piega del gomito o dell'inguine con una leggera anestesia locale, fino a raggiungere la “sede” del problema patologico tramite un minuscolo foro su un'arteria o su una vena. Si svolge perciò una diagnostica specializzata fatta, tra gli altri esami, di coronarografie e angiografie periferiche con opacizzazione dei vasi per mezzo di contrasto. Le rare ed eventuali complicanze vengono poi gestite con attrezzature all'avanguardia, interventi diretti in sala operatoria e monitoraggio costante delle reazioni del paziente, sia per quanto riguarda la pressione arteriosa che, ad esempio, i livelli ematici di ossigeno.
 

Guarda anche l'intervista


Per informazioni o per prenotare una visita contattaci allo 06 39976111 o scrivici tramite form
 

Condividi