La colonscopia virtuale è una tecnica diagnostica radiologica per lo studio approfondito di retto, colon e organi addominali, senza l'introduzione di alcuna sonda endoscopica. L’esame infatti viene svolto mediante tomografia computerizzata (TC) a basso dosaggio.
 
La colonscopia virtuale permette di identificare polipi e neoformazioni potenzialmente pericolose nel tratto del colon-retto, anche di entità millimetrica (fino a 6mm), ed è in grado di valutare se le formazioni interessano anche la parete intestinale, i tessuti e gli organi addominali adiacenti. È quindi fondamentale per la diagnosi precoce delle patologie del colon retto e in particolare del carcinoma del colon. 
La TC a 256 strati utilizzata, consente una potente definizione delle immagini, precisione estrema dei dettagli e la acquisizione veloce dei dati. L’esame è quindi molto veloce.

La colonscopia virtuale è particolarmente indicata per le seguenti categorie di pazienti:

  • pazienti fobici che mal sopportano la introduzione dell’endoscopio
  • pazienti post chirurgici che presentano un tratto di colon dal calibro ridotto a causa di interventi chirurgici precedenti 
  • pazienti che si sono sottoposti a colonscopia tradizionale risultata incompleta per cause anatomiche, patologiche, iatrogene e correlate all'età del paziente 
I vantaggi sono molteplici: non è necessario alcun tipo di sedazione e si elimina il disagio dell’introduzione dell'endoscopio, mantenendo una alta precisione diagnostica.  
Da sapere

La colonscopia virtuale prevede una corretta pulizia intestinale che comincia tre giorni prima dell’esame con un blando lassativo e prosegue il giorno stesso dell’esame con la somministrazione di un mezzo di contrasto per bocca che permette di verificare o escludere la presenza di residui fecali all’interno del colon.
 

 

L’esame è preceduto dalla insufflazione dell’intestino con una piccola quantità di CO2 tramite un sondino molto sottile introdotto nel retto che non provoca dolori né fastidi. Il gas verrà riassorbito dall’organismo senza creare disagio.  Dopo l’insufflazione del colon si esegue la scansione, prima con paziente supino e poi prono, in modo tale da individuare e rintracciare anche le formazioni più nascoste e meno visibili. L’esame dura pochi minuti.
Le informazioni catturate dalla macchina in pochi secondi vengono elaborate in tempo reale per individuare la zona sospetta del colon per la presenza di una formazione neoplastica.

Al termine dell'esame il paziente può avvertire un leggero fastidio dovuto al sondino necessario per insufflare il colon e permettere all'operatore di avere una visuale completa dell'organo. La colonscopia virtuale è sconsigliata per i pazienti con patologie infiammatorie attive, come colite cronica, morbo di Chron o diverticolite.



 

Informazioni sull'ospedale

Dove siamo

Via Prov. Per Arnesano Km 4, 73100 Lecce (LE)
Puglia

Ottieni indicazioni

La struttura

Direttore Sanitario: Dott.ssa Stefania Donno
Presidente: Ettore Sansavini
Amministratore Delegato: Eleonora Sansavini
Posti letto: 152
Chi siamo
Carta servizi