RX Mastoidi (Rocche Petrose/Forami Ottici)

La RX Mastoidi (Rocche Petrose/Forami Ottici) è un esame radiologico che sfrutta le emissioni di raggi X, o radiazioni ionizzanti, per ottenere immagini delle ossa che compongono la faccia e che contengono l’apparato visivo, uditivo e vestibolare.
I raggi X permettono infatti di mettere in evidenza le ossa rispetto ai tessuti molli, come pelle o muscoli, che invece non vengono distinti con questo tipo di esame.

Le macchine computerizzate utilizzate al giorno d’oggi permettono di ridurre le emissioni di raggi X e i tempi di esposizione, così da ridurre anche i rischi sulla salute.

Che cos’è?

La RX Mastoidi (Rocche Petrose/Forami Ottici), o anche RX delle Ossa della Faccia, è un esame diagnostico che viene utilizzato per indagare eventuali anomalie che interessano le ossa che compongono la faccia.
Le ossa analizzate sono:
  • mastoide: l’osso prominente che si trova dietro all’orecchio
  • rocche petrose: le strutture all’interno dell’orecchio che contengono l’apparato vestibolare e uditivo
  • forami ottici: le cavità poste nella faccia che ospitano gli occhi.

La RX Mastoidi (Rocche Petrose/Forami Ottici) viene prescritta quando c’è necessità di accertare la presenza di patologie e alterazioni che possono interessare le ossa di questa parte anatomica.

Per eseguire la RX Mastoidi (Rocche Petrose/Forami Ottici) non è necessaria alcuna preparazione preventiva.
Il paziente deve togliere eventuali oggetti metallici e indossare il camice schermante che permette di ridurre l’assorbimento delle radiazioni.

Per rilevare le immagini, il paziente può essere in piedi o steso su un lettino a pancia in su; l’operatore può richiedere di fare degli spostamenti, al fine di avere immagini di diverse sezioni.

La durata dell’esame è di circa 10 minuti, al termine del quale può tornare alle sue attività.

 

La RX Mastoidi (Rocche Petrose/Forami Ottici) può essere eseguita da tutti, purché in possesso di prescrizione medica.

È controindicata per le donne in gravidanza: coloro che sospettano di essere in gravidanza devono avvertire tempestivamente l’operatore prima di iniziare l’esame.

Le strutture che trattano questa visita