Città di Lecce Hospital

Fibroadenoma, il tumore benigno del seno

06 settembre 2017
Fibroadenoma, il tumore benigno del seno


Non è un fattore di rischio per il tumore del seno ma va tenuto sotto costante controllo: si tratta del fibroadenoma, una patologia benigna della mammella molto frequente nelle donne in età giovanile, dai 15 ai 25 anni. Il fibroadenoma è un nodulo costituito da una massa che comprende ghiandola e tessuto mammari. Il nodulo si presenta in genere multiplo e bilaterale e le sue dimensioni possono cambiare nel tempo, aumentando di volume. La presenza del fibroadenoma non comporta l’insorgenza di un carcinoma mammario in età adulta.

Il fibroadenoma è molto spesso causato dall’aumento dei valori di estrogeni nel sangue, legato a pubertà, gravidanza o stimolazione ovarica. Un’altra causa del fibroadenoma è la formazione di cisti ovariche, accumuli di sostanze liquide o solide che si possono verificare in età fertile dentro o fuori le ovaie e che in genere non sono responsabili di alterazioni significative dell’apparato genitale.

“I fibroadenomi – spiega il dottor Luigi Manca, Responsabile Chirurgia Senologica Città di Lecce Hospital -  non danno sintomi ma possono essere individuati al tatto, in quanto si  muovono facilmente sotto pelle. Durante la palpazione, i fibroadenomi possono risultare simili a palline dai contorni ben definiti, mentre le loro dimensioni possono essere diverse con il passare del tempo”.
 
In genere queste cisti non procurano dolore e nel caso in cui si manifesti, “questo può dipendere – prosegue il dottor Manca -  da diverse situazioni, è dovuto ad esempio a una attività ormonale che agisce sul tessuto mammario determinando una maggiore tensione mammaria, ma tale dolore può essere presente indipendentemente al ciclo mestruale. Il dolore può essere dovuto anche ad un disturbo muscolare, intercostale o neuritico che in tal caso non ha nessuna correlazione con il seno”. L'asportazione chirugica è molto rara, avviene soltanto nei casi in cui le dimensioni del fibroadenoma aumentano compromettendo la vascolarizzazione e se i bordi diventano irregolari.

La presenza di fibroadenoma al seno si accerta tramite vista senologica solitamente abbinata ad una ecografia che consente di valutare la natura dell’addensamento nella ghiandola mammaria ed escludere altre patologie a carattere maligno.



Per maggiori informazioni contatta Città di Lecce Hospital 


Condividi: