D'Amore Hospital / 02 gennaio 2020

Rintracciare i segni precoci delle patologie con la Risonanza Magnetica

Rintracciare i segni precoci delle patologie con la Risonanza Magnetica
La Risonanza Magnetica rappresenta oggi uno strumento di indagine sempre più determinante per rintracciare i segni precoci di numerose patologie a partire da quelle oncologiche fino ad arrivare alle alterazioni del sistema nervoso centrale. E’ una tecnica diagnostica evoluta che utilizza il campo magnetico per lo studio di organi e tessuti e quindi non è dannosa per la salute. Può essere eseguita in tutti i distretti corporei con l’obiettivo di rintracciare i segni, anche i più precoci, delle malattie, di pianificare i trattamenti e di controllare nel tempo l’efficacia delle terapie.
Più è sofisticata la tecnologia e più è elevata la qualità delle immagini. Ma una componente da non sottovalutare è l’esperienza del radiologo che incide in maniera significativa sulla attendibilità del risultato dell’esame. Ne abbiamo parlato con il dottor Maurizio Resta, radiologo di D’Amore Hospital a Taranto.  
 
Dottor Resta in quali ambiti si ricorre alla Risonanza Magnetica?
 “La risonanza magnetica è l'esame radiologico più utilizzato in Neurologia, in quanto fornisce ottime immagini delle strutture cerebrali e spinali. Sono ben visualizzati tutti i processi che comportano un'alterazione strutturale del tessuto nervoso come le infiammazioni, le ischemie, la malattia di Alzheimer e altre malattie neurodegenerative. La Rm è inoltre adatta per una diagnosi precoce di tumori o metastasi cerebrali e nella maggior parte dei casi viene eseguita per confermarne o escluderne la presenza in caso di sintomi sospetti. Inoltre, è usata di routine per la diagnosi di ernie del disco della colonna vertebrale”.

Quali studi vengono eseguiti a D’Amore Hospital?
“Il servizio di Diagnostica per Immagini di D’Amore Hospital si avvale di tecniche avanzate per lo studio delle principali patologie cerebrali come la spettroscopia o la perfusione, e lo studio della dinamica liquorale senza dimenticare l’indagine delle malformazioni fetali con la risonanza magnetica fetale nelle donne in stato di gravidanza. Il campo di applicazione della RM fetale è molto più ampio ed è in grado di valutare anche le patologie che interessano collo, torace, apparato gastroenterico e apparato uro-genitale e di recente anche il cuore fetale”.

Quanto è importante l’esperienza del radiologo nella attendibilità dell’esame?
“Da parte della organizzazione di una struttura di Diagnostica per immagine l'aggiornamento tecnologico è il primo elemento per tenersi allineati alla evoluzione delle tecniche di imaging e soprattutto per non mancare diagnosi precoci o ancora peggio entrare nel rischio di diagnosi ritardata. Ma quello che conta ancora di più è l'esperienza dell'operatore che legge le immagini radiologiche: maggiore è la sua cultura specifica migliore sarà il risultato della interpretazione dei dati forniti dalle apparecchiature”.

E’ sempre necessario ricorrere al mezzo di contrasto?
“I mezzi di contrasto nella diagnostica per immagini sono fondamentali: sono però farmaci e comportano come qualsiasi farmaco effetti collaterali e delle complicanze fortunatamente molto rare, ma alle quali bisogna stare molto attenti. Fare un esame con mezzo di contrasto non è sempre necessario ma il più delle volte soprattutto nelle patologie oncologiche per avvicinarsi alla maggiore sensibilità diagnostica e poter approssimare anche un ipotesi di natura di malignità o di benignità molto spesso sono necessari. È importante che la gestione dei mezzi di contrasto venga eseguita nel percorso migliore per non nuocere ai pazienti”.
 

Per maggiori informazioni guarda la video intervista al dottor Resta o contatta la struttura allo 099. 7704500. 
 

 
Revisionato da: Resta Maurizio
Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.