26 ottobre 2021

Tecnologie e principali trattamenti per la risoluzione delle patologie oculari

Tecnologie e principali trattamenti per la risoluzione delle patologie oculari
L'unità operativa di oculistica della Clinica Santa Caterina da Siena tratta tutte le patologie oculari, ovvero quelle del segmento anteriore - palpebre, vie lacrimali, cornea, cataratta - e quelle del segmento posteriore - come i distacchi di retina, le retinopatie diabetiche proliferanti, e tutto ciò che riguarda le patologie chirurgiche della retina.
A queste si aggiunge  il glaucoma, una patologia molto importante che colpisce gran parte della popolazione.
Il Dott. Marco Jacobbi delinea le attività svolte presso la clinica. 

Come avviene la diagnosi di una patologia oculare?

“La diagnosi di una patologia oculare viene eseguita mediante visite eseguiti dagli specialisti che operano all'interno della clinica, grazie alle tecnologie diagnostiche di cui siamo forniti”.

Quali interventi vengono effettuati a livello oculare?

“In clinica trattiamo le patologie per mezzo di farmaci o, alternativamente, vengono eseguiti tutti gli interventi chirurgici necessari a livello oculare, quindi sia quelli sulle palpebre (per malformazioni o per patologie palpebrali), che sulle vie lacrimali (per ostruzione delle vie lacrimali). Per il segmento anteriore vengono effettuati trapianti di cornea, interventi di cataratta, e interventi per il glaucoma. Per le patologie del segmento posteriore trattiamo i distacchi di retina, le patologie maculari (come fori retinici maculari e le membrane di retinica maculare), e il trattamento di quelle degenerazioni come le retinopatie diabetiche proliferanti che necessitano di interventi chirurgici sulla retina.”

Quali strumenti innovativi vengono utilizzati?

“Abbiamo la possibilità di utilizzare strumenti di ultima generazione, come il femto laser per gli interventi di cataratta e per interventi sulla cornea o le microsonde per gli interventi sulle vie lacrimali interne. La clinica si pone l’obiettivo di utilizzare strumenti sempre meno invasivi per ridurre al minimo l'impatto chirurgico sull'occhio del paziente”.

Per quali patologie si utilizza la chirurgia vitreoretinica?

“La chirurgia vitreoretinica si esegue per tutte le patologie della retina. Trattiamo frequentemente i distacchi di retina, la chirurgia sulla retinopatia diabetica proliferante e le chirurgie sulle patologie maculari. Grazie ai materiali innovativi e all’organizzazione della clinica possiamo eseguire questi tipi di intervento in regime di urgenza.

Come utilizzare i farmaci antiproliferativi nelle patologie maculari?

In struttura vengono utilizzati dei farmaci antiproliferativi, ovvero molecole che inibiscono il fattore di crescita vascolare. I farmaci antiproliferativi vengono iniettati in via intraoculare per le patologie maculari, ne è un esempio la degenerazione maculare legata all'età: una patologia molto frequente al giorno d’oggi. Il trattamento, che ha cadenza bisettimanale precisa, prevede un protocollo per seguire i pazienti e assisterli nel tempo per la valutazione della terapia.
 
Per maggiori informazioni o per prenotare una visita di controllo contattaci tramite il form dedicato 
Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.