Ecografia - Diagnostica per Immagini

Specialità ambulatoriali

Tel. 080 504280

Medici e Professionisti sanitari

Direttore di dipartimento: Dott. Andreula Cosma
Dott.ssa Fella Rita Roberta

La sezione di Ecografia del reparto di Radiologia dell’Ospedale Santa Maria è dotata di ecografi di ultima generazione.
 
Si eseguono:
  • Ecografie internistiche (collo, ghiandole salivari, tiroide, addome superiore e inferiore, articolari dei tessuti molli, renali, ecc.);
  • Ecografia Senologiche;
  • Ecografie muscolo-scheletriche;
  • Ecografie anche e reni del neonato
  • Agobiopsie e prelievi citologici ecoguidati 
  • Ecocolor doppler tiroide e organi addominali


Ecografia con mezzo di contrasto (CEUS)


Il servizio di Radiologia è stato implementato con l'introduzione di un nuovo ecografo tramite il quale si possono eseguire ecografie con mezzo di contrasto (CEUS), particolarmente indicate per la diagnosi di lesioni che interessano gli organi addominali.

La CEUS è una valida alternativa in tutti i casi in cui non sia possibile la somministrazione di altri Mdc per allergie o insufficienza renale o nei pazienti claustrofobici.

Le modalità di esecuzione

Si esegue una normale ecografia in cui si focalizza la lesione da caratterizzare, si somministra per via endovenosa il Mdc, con scarsi o nulli disagi per il paziente, si osservano e contemporaneamente si registrano immagini ecografiche con un software dedicato che rende visibile l’arrivo e la distribuzione del mezzo di contrasto nella lesione permettendo la diagnosi.

Le patologie diagnosticate

L’esame è considerato molto indicato per:
  • lesioni focali, benigne e maligne, primitive o secondarie al fegato
  • ipertrofia colonnare
  • cisti renali complesse
  • lesioni focali al pancreas
La durata dell’esame non supera quella di una normale ecografia al massimo 15/20 minuti.

Il mezzo di contrasto ecografico è tollerato con rarissimi effetti collaterali, comporta scarse limitazioni d’uso tanto che si può eseguire in pazienti con insufficienza epatica e renale. L’unico limite è dato in presenza di gravi restrizioni respiratorie.


 

L'ecografia in Gravidanza


L’ecografia è una tecnica che consente di vedere quel che è all’interno del nostro corpo utilizzando onde sonore ad alta frequenza, ultrasuoni, così chiamati perché non percepibili dall’orecchio umano. Tali onde prodotte da una sonda vengono inviate nei tessuti e ritornano come echi che, trasformati in segnali diversi a seconda della densità che incontrano, danno luogo ad immagini.
 
In gravidanza l’ecografia ha finalità diverse a seconda dell’epoca gestazionale in cui viene eseguita. Così come previsto dalla normativa ministeriale, è accettato che le ecografie indispensabili sono solo tre, una per trimestre. Solo in alcuni casi, che richiedono un controllo più assiduo, può essere necessario un numero maggiore.

 

> Primo trimestre (entro la 13° settimana)

L'ecografia serve ad individuare la/e camera/e gestazionale/i, il numero degli embrioni, le loro dimensioni (in base alle quali è possibile valutare la corrispondenza con l’epoca mestruale), l’attività cardiaca e i movimenti spontanei. Si può eseguire sia per via trans-addominale che per via trans-vaginale, da preferire per una miglior accuratezza dell’esame.
 
> Secondo trimestre (tra 19 e 23 settimane)
L'ecografia mira ad un’attenta valutazione dell’anatomia fetale (cosiddetta ecografia morfologica) e, attraverso più valori biometrici, stabilire la consonanza con la precedente oltre a svelare alterazioni dell’accrescimento fetale. Vengono inoltre valutati la placenta, soprattutto la posizione e il rapporto con l’orificio uterino, e la quantità del liquido amniotico.
 
> Terzo trimestre (tra 29 e 33 settimane)
L'ecografia serve a controllare la crescita, la situazione e la presentazione fetali, oltre a consentire il monitoraggio della placenta e del liquido amniotico.
 
Un esame ecografico di routine è fondamentale in quanto permette di identificare un buon numero delle malformazioni fetali maggiori. L’ecografia a fini diagnostici è ritenuta infine una metodica esente da rischi.

 

Info legali

Santa Maria S.p.A.
Via De Ferrariis, 22 – 70124 Bari - P.IVA 00597760727 - REA 124670 CCIAA BA - Cap.Soc.Int.Vers.€ 7737101,80
PEC: clinicasantamaria@pec.it
Aut. San. n. 5614 25.03.1970

Società soggetta all’attività di direzione e coordinamento di Gruppo Villa Maria S.p.A
Bollino rosa