Tubercolosi (TBC)

Un’infezione batterica cronica da Mycobacterium tubercolosis che interessa generalmente i polmoni, ma può colpire qualunque parte dell’organismo.

L’origine dell’infezione è per contatto con le goccioline di saliva, rendendo gli affollamenti in ambienti ristretti particolarmente favorevoli alla diffusione. Fra i fattori di rischio in età avanzata ci sono malnutrizione e abbassamento delle difese immunitarie.

Il primo contatto con il batterio non produce generalmente sintomi, che possono comparire anche molti anni dopo, dando inizio alla malattia. Questa si manifesta con mal di testa, febbre, inappetenza, sudori notturni, stanchezza, tosse perenne, muco con sangue, calo di peso. La progressione dell’infezione può provocare ingrossamento dei linfonodi, accumulo d’aria o di liquido nella pleura, difficoltà respiratorie. Quando non interessa i polmoni, l’infezione colpisce generalmente meningi, cervello, ossa e reni.

L’esame dei sintomi, radiografia toracica, esame colturale delle secrezioni bronchiali e reazione alla tubercolina (estratto di bacilli tubercolari usato come antigene) permettono di accertare la tubercolosi.
Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.
Non trovi la patologia che stai cercando?
Clicca qui