Ravenna Medical Center / 13 giugno 2023

La visita pneumologica la spirometria: a cosa servono e come si eseguono

Data ultimo aggiornamento: 13 giugno 2023
La visita pneumologica la spirometria: a cosa servono e come si eseguono
Diversi sono i motivi che possono portare a sottoporsi a una visita pneumologica: la presenza di sintomi come respiro corto, sensazione di affanno, stanchezza o tosse prolungata. Oppure la familiarità con patologie polmonari o l’essere fumatori (in particolare dopo i 35 anni).

"È molto importante non sottovalutare alcun campanello d’allarme - spiega il dottor Roberto Rondinini dell'Ambulatorio di Pneumologia del Ravenna Medical Center - poliambulatorio con Day Surgery di GVM Care & Research - poiché un ascolto tempestivo e una diagnosi precoce possono portare al trattamento più opportuno di patologie polmonari di varia natura. Ideale da questo punto di vista è unire visita pneumologica e spirometria."
 

A cosa serve la visita pneumologica e come si svolge

Grazie a questa tipologia di visita, è possibile diagnosticare patologie come asma, BPCO, enfisema polmonare, faringite, laringite, fibrosi polmonare, pertosse, pleurite, pneumotorace, sindrome delle apnee ostruttive del sonno, TBC. Il medico chiede prima di tutto informazioni al paziente sui sintomi, sul loro esordio, sulla loro ricorrenza, su eventuali altri segnali come difficoltà respiratoria o dolore in certi punti. In seguito, raccoglie altri dati sullo stile di vita (fumo in primis), nonché su familiarità, assunzione di farmaci o eventuali interventi chirurgici precedenti. Segue quindi l’esame obiettivo, durante il quale lo Pneumologo controlla il torace auscultandolo con fonendoscopio. Può quindi richiedere la spirometria o, nel caso si trovi in una struttura specializzata in pneumologia e patologie dell’apparato respiratorio, ricorrervi durante la visita.
 

Cos’è la spirometria e come si esegue

Una visita pneumologica con spirometria serve a misurare e valutare la funzionalità respiratoria: oggetto della valutazione è la quantità di aria contenuta nei polmoni e la sua modalità di spostamento attraverso i bronchi.

Una spirometria semplice può essere l’esame preventivo ottimale per chi lavora a continuo contatto con polveri o chi è abituato a fumare. La spirometria, non dolorosa né invasiva, è molto utile nel diagnosticare patologie ostruttive o restrittive, come asma, BPCO, fibrosi polmonare. La spirometria semplice permette di misurare i volumi polmonari dinamici e di calcolare l’indice di Tiffeneau, in modo da riconoscere un deficit ostruttivo o restrittivo; la spirometria globale consente di misurare i volumi polmonari statici: quanta aria è contenuta nella gabbia toracica, quanta ne resta dopo l’espirazione, quanto sono elastici i polmoni.
La spirometria semplice vede il paziente, seduto e con il busto eretto, indossare l’apposito stringinaso e il boccaglio monouso connesso allo spirometro. Dopo aver inspirato ed espirato normalmente per 2 o 3 volte, deve eseguire una respirazione forzata, espirando subito e per il tempo maggiore possibile (almeno 6 secondi).

Una visita pneumologica con spirometria globale può invece prevedere due tecniche di esame:
  • pletismografia. Il paziente si siede nella cabina pletismografica con apposite pareti trasparenti. Dopo l’applicazione di stringinaso e boccaglio, il paziente deve sempre respirare regolarmente e senza aprire le labbra, anche mentre l’operatore chiude una valvola posizionata davanti alla bocca. Alla riapertura della valvola, il paziente deve inspirare profondamente ed espirare più a lungo che può senza inspirare o tossire. Oltre alle patologie già citate, la procedura può supportare la diagnosi di fibrosi cistica, sclerosi laterale amiotrofica e sclerosi multipla.
  • diluizione dei gas. Il paziente respira una miscela contenente elio, consentendo al medico di misurare il rapporto fra concentrazione iniziale del gas e quello rimasto nel dispositivo. In alternativa, si misura quanto azoto è naturalmente presente nei polmoni. 
Per informazioni e prenotazioni
telefona allo 0544 407077 o scrivici
Revisione medica a cura di: Dott. Roberto Rondinini

condividi o salva l'articolo

Le informazioni contenute nel Sito, seppur validate dai nostri medici, non intendono sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.
MyGVM App
MyGVM

Prenotazioni e appuntamenti nel palmo della tua mano

L'app MyGVM ti permette di prenotare visite negli ospedali e poliambulatori GVM, gestire gli appuntamenti e controllare l’esito degli esami di laboratorio direttamente dal tuo telefonino! Scaricala ora: