Endometriosi e alimentazione: l’importanza di una dieta equilibrata

Endometriosi e alimentazione: l’importanza di una dieta equilibrata
Come riportato dal Ministero della Salute, in Italia il 10-15% delle donne in età riproduttiva e il 30-50% delle donne infertili o con difficoltà a concepire è affetto da endometriosi.

Si tratta di una patologia infiammatoria cronica caratterizzata dalla presenza anomala di tessuto endometriale, che riveste l’utero, al di fuori della cavità uterina (in ovaie, tube, peritoneo, vagina, vescica, intestino, fino a polmoni, arti e cervello).

Nonostante possa essere asintomatica nel 20-25% dei casi, l’endometriosi presenta una serie di sintomi che possono presentarsi anche in forma grave e invalidante, tra cui dismenorrea (dolore pelvico intenso), infertilità, dispareunia (dolore durante rapporti sessuali), stanchezza cronica, cistite e candida ricorrenti, intolleranze (sorbitolo e istamina) e allergie (polvere, lattice).

Non esistono, a oggi, trattamenti risolutivi, e si interviene sulla sintomatologia con terapie personalizzate. Il sintomo più comune, la dismenorrea, è trattato con la pillola estroprogestinica o progestinica; può essere necessaria la terapia chirurgica con asportazione dei tessuti anomali e, in caso di infertilità, è consigliato un percorso di PMA, procreazione medicalmente assistita.

Anche l’alimentazione può avere un ruolo funzionale nelle pazienti affette da endometriosi, tramite un ripristino degli equilibri e una riduzione dei sintomi. Ovviamente una corretta dieta deve essere strettamente personalizzata in base ai sintomi e alle esigenze. Ne abbiamo parlato con la dott.ssa Floriana Martiradonna, biologa nutrizionista presso Ospedale Santa Maria a Bari.

Endometriosi: l’importanza di una dieta antinfiammatoria

Essendo una patologia infiammatoria, l’alimentazione per contrastarne i sintomi deve essere antinfiammatoria. Inoltre, l’endometriosi è caratterizzata da estrogenodominanza e insulinoresistenza: sono sconsigliati i cibi che possono apportare estrogeni (come la soia) ed è importante mantenere il peso forma.

Infine, nelle donne affette dalla patologia sono rilevati alti livelli di radicali liberi e maggiore stress ossidativo, per cui è utile aumentare il consumo di verdure a foglia verde e frutta fresca di stagione che limitano l’infiammazione e, con le fibre, favoriscono l’eliminazione di estrogeni in eccesso.

Endometriosi: cosa mangiare e cosa limitare

Particolarmente consigliato, oltre che un corretto apporto di acqua, inserire nell’alimentazione cibi ricchi di sostanze antinfiammatorie come:
  • zenzero;
  • curcuma;
  • verdura (estratti di verdura, verdura cruda).
Fondamentale la qualità dei grassi: da escludere i grassi trans e far prevalere gli OMEGA-3 (si trovano in noci, semi di lino, salmone, sgombro, verdure a foglia verde, ceci, broccoli e cavolo verde) sugli OMEGA-6 (presenti nei prodotti industriali).

Gli zuccheri in eccesso acuiscono i sintomi aumentando gli estrogeni e, dunque, l’infiammazione. Meglio puntare su una dieta a basso carico glicemico e insulinemico e, tra i carboidrati, prediligere riso, patate, frutta e verdura, fiocchi d’avena, miglio, pasta di grano duro, limitando gli zuccheri semplici che favoriscono picchi di insulina e promuovono l’infiammazione. Da evitare alimenti proinfiammatori come fritti, cibi industriali, margarina, e bevande come tè e caffè.

Per quello che riguarda le proteine:
  • evitare carne di allevamenti intensivi e carni processate e preferire quella da allevamenti al pascolo, ricca di omega-3, sempre accompagnata da un contorno di verdura fresca e di stagione;
  • via libera al pesce (meglio se pescato di mare, fresco, piccola taglia), a uova (sempre biologiche, da allevamento all’aperto) e ai legumi, preferibilmente passati;
  • ridurre latte e prodotti caseari che possono aumentare l’infiammazione.

Gli integratori

Gli integratori possono dare un contributo utile nel contrastare i sintomi dell’endometriosi, ma è imperativo evitare il fai da te e seguire le indicazioni di uno specialista per prodotti e dosaggi.

Tra i più utilizzati:
  • vitamina D (agente antiproliferativo nell’endometriosi);
  • vitamina C, E, ACIDO ALFA-LIPOICO e RESVERATROLO (potenti antiossidanti);
  • magnesio (disintossicazione e allevia il dolore pelvico);
  • quercetina (flavonoide contro la proliferazione del tessuto endometriale);
  • picnogenolo (estratto dal pino marittimo francese, potente antiossidante, che riduce il dolore).
 
Per informazioni e prenotazioni CHIAMACI o SCRIVICI
Revisione medica a cura di: Dott.ssa Floriana Martiradonna

condividi o salva l'articolo

Le informazioni contenute nel Sito, seppur validate dai nostri medici, non intendono sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Articoli correlati a Endometriosi e alimentazione: l’importanza di una dieta equilibrata

28 marzo 2024 - GVM

Endometriosi: 6 cose da sapere

Una patologia cronica, che interessa il 10-15% delle italiane e il 30-50% delle donne che hanno ricevuto una diagnosi di infertilità.

Prenotazioni e appuntamenti nel palmo della tua mano

La nuova app MyGVM ti permette di trovare il tuo medico preferito, prenotare visite, controllare l’esito degli esami direttamente dal tuo telefonino! Scaricala ora:
anni