Ospedale Cortina / 09 maggio 2022

Holter cardiaco dinamico e holter pressorio: quali sono le differenze

Data ultimo aggiornamento: 09 maggio 2022
holter
L’holter cardiaco dinamico e l’holter pressorio sono esami indolori e non invasivi utilizzati per individuare e monitorare diverse patologie cardiovascolari. Si  eseguono nell’arco di 24-48 ore, con dei dispositivi portatili che misurano i parametri vitali del paziente durante la giornata.

I dispositivi holter devono essere applicati e rimossi in ambulatorio, ma le rilevazioni accompagnano il paziente durante le attività quotidiane, anche a casa o sul posto di lavoro, per registrare i parametri cardiovascolari nel modo più naturale possibile.

Quali sono le differenze tra i due esami?

La dottoressa Maristella Rotundo dell'ambultorio di Cardiologia dell'Ospedale Cortina, accreditato con il Servizio Sanitario Nazionale ci spiega quali sono le differenze tra i due esami.

L’holter dinamico è un elettrocardiogramma dinamico che ci permette di valutare l’attività elettrica del cuore:
  • frequenza;
  • ritmo;
  • attività elettrica.
È utile per diagnosticare disturbi del ritmo (aritmie) o un apporto difettoso di sangue al cuore (ischemie)
In pratica permette di mettere in relazione i sintomi del paziente con le eventuali alterazioni che vengono registrate dall'elettrocardiogramma.

L’holter pressorio invece misura la pressione arteriosa e le sue variazioni. Questo parametro vitale può variare significativamente nel corso delle nostre attività quotidiane, soprattutto se si svolge attività fisica o se si provano forti emozioni o stati d’ansia. Tuttavia, se patologica, un’anomalia della pressione arteriosa è un fattore di rischio per molte patologie cardiovascolari.

Attraverso l’holter pressorio si possono diagnosticare e monitorare ad esempio: Questo esame è indicato per i pazienti che lamentano frequentemente sintomi ascrivibili a ipertensione o ipotensione tra cui ad esempio capogiri, vista appannata, svenimenti, debolezza o sonnolenza.

Come si svolge l’esame e come si applicano i dispositivi?

Per svolgere l’esame il paziente si reca in ambulatorio. Si applica un piccolo dispositivo portatile collegato agli elettrodi sul torace. Una volta regolato l’apparecchio, il paziente torna a casa e svolge normalmente le sue attività quotidiane per 24 o 48 ore, a seconda della prescrizione medica. In questo lasso di tempo, l’holter cardiaco registra i parametri già citati: frequenza, ritmo, attività elettrica del cuore in generale.
Al termine del periodo di test, il paziente torna in ambulatorio per la rimozione del dispositivo. I risultati dell’esame sono normalmente elaborati e pronti in pochi giorni permettono di verificare se ci sono patologie o sospetti di patologie che richiedono ulteriori approfondimenti.

L’esame non è doloroso, non è invasivo e non ha particolari controindicazioni. L’unica cosa a cui fare attenzione è di evitare di fare docce o bagni nell’arco di tempo in cui si indossa l’holter.

E per quanto riguarda l’holter pressorio?

Lo svolgimento non è troppo diverso, nel senso che il paziente deve sempre recarsi in ambulatorio per l’applicazione del dispositivo da tenere per 24-48 ore secondo quanto prescritto, e poi per la successiva rimozione. Anche i tempi di refertazione sono simili.

La differenza è che, mentre l’holter cardiaco è un dispositivo portatile per l’elettrocardiogramma, l'holter pressorio è uno sfigmomanometro tascabile collegato ad un bracciale gonfiabile posto attorno al gomito del paziente (esattamente come uno sfigmomanometro tradizionale per la misurazione della pressione arteriosa). 

Durante le 24-48 ore, l’holter pressorio misura la pressione ogni 30 minuti: il paziente avverte che il “bracciale” attorno al braccio si gonfia e si sgonfia e durante questi frangenti, è opportuno stare il più possibile fermi.

Nell’arco delle ore in cui indossa i dispositivi holter, come deve comportarsi il paziente?

Come già detto, è meglio evitare docce o bagni. Per il resto, l’ideale è svolgere il più possibile le normali attività della vita quotidiana: come andare a lavoro, guidare, fare la spesa e svolgere le attività fisiche abituali. 

Una raccomandazione è quella di appuntare le attività svolte nel corso della giornata e gli eventuali sintomi. L’attività cardiaca e pressoria sono fortemente influenzate dallo sforzo fisico e dai fattori emotivi. Quindi per leggere i dati rilevati dall’holter è utile sapere se un’anomalia è avvenuta spontaneamente o ad esempio se si è verificata a seguito di un'emozione o sollevando dei pesi.
Revisione medica a cura di: Dott.ssa Maristella Rotundo
Le informazioni contenute nel Sito, seppur validate dai nostri medici, non intendono sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.
MyGVM App
MyGVM

Prenotazioni e appuntamenti nel palmo della tua mano

La nuova app MyGVM ti permette di prenotare visite negli ospedali e poliambulatori GVM, gestire gli appuntamenti e controllare l’esito degli esami di laboratorio direttamente dal tuo telefonino! Scaricala ora: