Patologie dell’occhio: le età della visita oculistica

Patologie dell’occhio: le età della visita oculistica
Per valutare lo stato di salute degli occhi, al fine di escludere, prevenire oppure diagnosticare precocemente la presenza di eventuali patologie, è fondamentale eseguire controlli periodici dall’oculista, che si differenziano in relazione all’età e alla storia clinica del paziente. Ne abbiamo parlato con il Dott. Mario Fagiano -Specialista in Oftalmologia - presso la Clinica Santa Caterina da Siena di Torino.

Dall’età neonatale all’adolescenza: quando effettuare la visita oculistica 

Per i più piccoli - spiega il Dottor Fagiano - il primo controllo oculistico, il red reflex test, viene effettuato, alla nascita, anche in assenza di patologie, per verificare la presenza di un’eventuale cataratta congenita o una retinopatia neonatale. Nel corso dell’infanzia e poi dell’adolescenza si consiglia di fissare un appuntamento con l’oculista in corrispondenza delle seguenti fasce di età:
  • dai 3 ai 4 anni, la visita è indispensabile per escludere l’ambliopia (occhio pigro) patologia particolarmente subdola, o lo strabismo
  • a 6 anni per diagnosticare tempestivamente eventuali vizi di refrazione (ipermetropia, miopia, astigmatismo) o alterazioni della motilità oculare. Nei casi di difficoltà o affaticamento visivo è necessario adottare strumenti correttivi per non affaticare la vista durante lo studio
  • dai 12 ai 15 anni, il controllo oculistico serve per evidenziare la presenza o meno di eventuali “spasmi accomodativi” ed evitare possibili miopie progressive.

Controlli da programmare nell’età adulta 

Gli adulti, invece – consiglia il Dottore – devono sottoporsi a valutazione oculistica:
  • dai 20 ai 30 anni, ogni 5 anni se non ci sono patologie oculari in atto; infatti, fino ai 40 anni, l’insorgenza di nuove condizioni patologiche dell’occhio è generalmente bassa.
  • dai 45 ai 50 anni, è consigliabile una visita completa di tonometria, per la misurazione della pressione intraoculare e l’esame del fondo dell’occhio per identificare precocemente la possibile insorgenza del glaucoma, patologia asintomatica fino a quando non provoca severi e permanenti danni alla visione. La valutazione oculistica, in questa fascia di età, permette, anche, di identificare e correggere i problemi legati alla presbiopia fisiologica.
  • dopo i 60 anni, all’incirca ogni 5 anni o con una frequenza maggiore in base alla storia clinica del paziente. L’obiettivo è diagnosticare tempestivamente e trattare efficacemente eventuali patologie dell’occhio che possono avere un’alta incidenza in questa fascia di età come: cataratta, degenerazione maculare senile e glaucoma.  
Per i soggetti con ipertensione arteriosa, diabete mellito o dislipidemie, anche in assenza di sintomi, è importante sottoporsi all’esame OCT del fondo dell’occhio, per diagnosticare, in fase iniziale, eventuali degenerazioni della retina, in particolare, la retinopatia diabetica.
L'OCT, tomografia ottica a radiazione coerente, paragonabile a una TAC oculare, è indolore e non invasiva, serve per accertare e monitorare l’evoluzione delle patologie retiniche, la degenerazione maculare senile, il glaucoma ecc. 
Per prenotare una visita oculistica contatta il numero 011 8199300 o scrivici tramite il form dedicato 
Revisione medica a cura di: Dott. Mario Fagiano
Le informazioni contenute nel Sito, seppur validate dai nostri medici, non intendono sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.