Elettromiografia

Specialità ambulatoriali

Specialisti

Dott. Resta Fortunato

A Cotignola si effettua l'elettromiografia. Questa prestazione diagnostica esamina lo stato di salute dei nervi e dei muscoli.

Questo lo definiamo un esame diagnostico funzionale che chiarisce la funzionalità di nervi e muscoli. E’ importante per una buona esecuzione consegnare al medico tutti i referti precedentemente prodotti per il disturbo, questo permette che l’indagine sia accurata in quanto a completamento della diagnostica fino a quel momento eseguita.
 

Come si svolge l’elettromiografia?


L’esecuzione dell’elettromiografia avviene in due momenti specifici.
La prima fase è l'Elettroneurografia - misura la velocità di conduzione  di uno stimolo elettrico lungo il nervo, si valuta l’ampiezza del potenziale elettrico evocato e la latenza distale attraverso stimolazione elettrica del nervo con uno stimolatore superficiale posizionato sul nervo e registrazione del potenziale elettrico evocato per mezzo di elettrodi superficiali posizionati sul muscolo.

Nella seconda fase viene inserito un elettrodo ad ago (ago sottile inserito nel o nei muscoli) prima a riposo, in un secondo tempo durante contrazione minima del muscolo, infine alla massima contrazione. Con questa ultima indagine si comprende la presenza di attività elettrica spontanea (segno di denervazione), l’ampiezza e la durata dei potenziali elettrici muscolari, il numero di unità motorie attivate al massimo sforzo (un numero di unità motorie attivate ridotto è indice di sofferenza del nervo, un numero di unità motorie precocemente attivate è indice di sofferenza del muscolo).
 

Per quale scopo si esegue l'elettromiografia?


Attraverso l’elettromiografia si può diagnosticare la presenza di sofferenza di una o più radici nervose, di uno o più nervi. Si comprende la presenza di una o più lesioni nei tronchi nervosi.
L’elettromiografia viene prescritta nel sospetto di radicolopatie da ernie discali, lesioni dei tronchi nervosi, radicoliti e poliradicolonevriti, polinevriti, miopatie, miositi e poliniositi, miastenia; quest’ultima viene diagnosticata attraverso una stimolazione ripetitiva del nervo e registrazione sul muscolo.
 

Norme di preparazione dell’elettromiografia

Non è prevista alcuna norma di preparazione.
Il paziente al termine dell'esame è in grado di guidare anche subito dopo l’esecuzione dell’elettromiografia.
È consigliato non applicare creme o olii sul corpo prima dell'esame, rendono impossibile il corretto passaggio delle correnti elettriche.
Si consiglia ai pazienti di presentarsi con indumenti comodi.

Il giorno in cui si effettua l'elettromiografia è necessario portare con sé la documentazione relativa al disturbo. visite specialistiche precedenti o eventuali indicazioni mediche scritte.

 
Durata dell’esame

L’esame ha una durata di 15/30 minuti. Il tempo dell’esecuzione dell’esame varia dalla patologia che si vuole riscontrare.
 
Quando si ricorre all’elettromiografia?

Le patologie più frequenti per le quali è opportuno eseguire un'elettromiografia sono:
  • Sindrome del tunnel carpale
  • Sindrome del solco ulnare
  • Sindrome di Guyon
  • Sindrome del tunnel tarsale
  • Radicolopatie
  • Polineuropatie
  • Plessopatie
  • Sclerosi laterale amiotrofica (SLA)
  • Malattie muscolari
  • Malattie della giunzione neuromuscolare (es. miastenia gravis).

Info legali

MARIA CECILIA HOSPITAL SPA
Sede Legale: Via Corriera, 1 - 48033 COTIGNOLA (RA) - Codice Fiscale, Partita IVA e n. iscriz. Reg.Imprese di RA 00178460390
PEC: gvm-vmc@legalmail.it

Società soggetta all’attività di direzione e coordinamento di Gruppo Villa Maria S.p.A

>> Amministrazione Trasparente 

Bollino rosa