Risonanza Magnetica - Diagnostica per Immagini

Specialità ambulatoriali

Prenotazione Accettazione Attività Ambulatoriali

da lunedì a venerdì 8.00 - 20.00; sabato 8.00 - 13.00. Tel. 080.5644613

Medici e Professionisti sanitari

Responsabile: Dott. Andreula Cosma

La Risonanza Magnetica è un esame che indaga su tutte le parti del corpo: encefalo, colonna vertebrale, collo, torace, pelvi, addome, e tutte le articolazioni. Sfrutta la presenza di un campo magnetico e utilizza le onde radio per ottenere delle immagini altamente dettagliate che consentono di eseguire delle valutazioni anatomiche e anatomopatologiche degli organi esaminati. L’esame si può indicare anche con la sigla RMN che sta per risonanza magnetica nucleare.
 

Come funziona

La risonanza impiega il campo magnetico che non comporta alcun rischio e/o danno per il paziente. La risonanza non ha conseguenze rilevanti su pazienti sani, che non presentano cioè al momento dell’esame, particolari controindicazioni..

L’apparecchiatura che si impiega è costituita da un cilindro aperto sia nella parte anteriore che in quella posteriore. Lo spazio all’interno di questo grande tubo si chiama gantry e all’interno viene posizionato il lettino sul quale viene fatto sdraiare il paziente nel corso dell’esame.
 


Preparazione all’esame

  • Essere a digiuno: non si può mangiare prima della risonanza magnetica, per avere un risultato migliore, è preferibile presentarsi all’esame a digiuno.
  • Bere acqua solo per assumere eventuali farmaci: non si possono ingerire quantità di acqua troppo elevate, altrimenti si potrebbe compromettere l’esito dell’esame.
  • Rimuovere qualunque sostanza dal viso come il trucco o la lacca dai capelli
  • Liberarsi di ogni oggetto metallico, ferromagnetico o di supporto magnetico (telefoni cellulari, apparecchi per l’udito)
  • Togliere lenti a contatto o occhiali
  • Spogliarsi e indossare il camice monouso fornito dal personale di servizio e la cuffia
 

Modalità di esecuzione

 
L’esame, che non provoca dolore, dura in media tra i venti e i trenta minuti in base al quesito diagnostico e alla collaborazione del paziente, anche se le tecniche più moderne consentono di ridurre i ancora di più tempi di rilevazione. Durante la fase di acquisizione dei dati tramite risonanza magnetica, il paziente può udire rumori ritmici di intensità variabile, attutiti dall’uso di cuffie fornite dal personale tecnico,  provocati dal normale funzionamento dell’apparecchiatura RMN.
Durante l’esame il paziente è sotto il controllo visivo degli operatori e gli viene fornito un pulsante di richiamo per cui in condizioni di necessità del paziente in corso di esame otterrà il pronto intervento del personale sanitario. L’esame è generalmente eseguito con l’iniezione di un mezzo di contrasto ben tollerato.
 
L’esame non richiede una preparazione particolare. Solo chi è affetto da malattie allergiche deve consultare il medico per seguire una serie di indicazioni specifiche.



 

Il mezzo di contrasto


A volte, a seconda della valutazione dello specialista, la Risonanza Magnetica può essere eseguita con il mezzo di contrasto che permette di identificare con più chiarezza e precisione determinate patologie.
Qualora sia indicata la somministrazione di mezzo di contrasto il paziente dovrà eseguire il Dosaggio della  Creatininemia: è un valore del sangue che permette di verificare la  buona funzionalità dei reni e quindi ad escludere possibili controindicazioni del mezzo di contrasto. In caso di disturbi nefrologici, come ad esempio l’insufficienza renale, infatti, il medico è tenuto a prevedere esami alternativi alla risonanza magnetica con contrasto.

Se il paziente è allergico informerà il personale al momento della prenotazione e sarà messo in contatto col personale sanitario che gli fornirà tutte le indicazioni concernenti il mezzo di contrasto e tutte le modalità per adottare volontariamente una terapia desensibilizzante, secondo una procedura fornita dal nostro personale, che andrà eseguita prima dell’esecuzione dell’esame di Risonanza Magnetica
Il mezzo di contrasto viene somministrato per via endovenosa. La quantità del mezzo cambia in base al distretto corporeo da indagare e all’aspetto diagnostico da accertare.



 

Campi di applicazione della risonanza 


Il primo campo di applicazione della risonanza magnetica è stato il settore neurologico, per indagare sulle patologie dell’encefalo. Con il passare del tempo, viste le potenzialità diagnostiche dell’esame, la risonanza è stata applicata ad altri ambi di indagine e allo studio di innumerevoli patologie.
  • Rmn encefalo: non è nociva e assicura una buona risoluzione delle strutture cerebrali e spinali. La risonanza magnetica dell’encefalo rappresenta uno strumento fondamentale per la diagnosi nel sospetto clinico di patologie malformative o acquisite del sistema nervoso centrale come disturbi cerebrovascolari e ictus, demenze vascolari arteriosclerotiche e Alzhemeir, parkinson e parkinsonismi, processi infiammatori e sclerosi multipla, processi infettivi come meningiti , encefaliti e ascessi, neoplasie primitive e metastasi cerebrali, disturbi endocrinologici per tumori ipofisarie, disturbi dell’orbita, dell’occhio e delle vie visive, disturbi dell’olfatto e seni paranasali, disturbi dell’udito e vertigini, epilessia
  • AngioRM dei vasi del circolo cerebrale e dei vasi per il cervello dalla loro origine dall’aorta (tronchi sopraaortici) senza somministrazione di mezzo di contrasto per via endovenosa.
  • In alcuni casi selezionati dai clinici o dal neuroradiologo la risonanza magnetica cerebrale può essere eseguita con iniezione endovenosa di un mezzo di contrasto per una diagnosi sempre più accurata.
 
Di seguito gli altri campi di applicazione della risonanza magnetica:
  • Rmn delle articolazioni e dei muscoli
  • Rmn del rachide cervicale, dorsale e lombosacrale
  • Rmn del midollo
  • Rmn del collo
  • Rmn del torace
  • Rmn dell’addome
  • Rmn della pelvi
  • Rmn mammaria 

Info legali

ANTHEA HOSPITAL SRL
Sede legale: Via Camillo Rosalba, 35/37 – 70124 BARI
Codice Fiscale, Partita IVA n. iscriz. Reg. Imprese BA 03811090723.
PEC:  gvm-ant@legalmail.it
Aut. San. Prot. n. 1038 del 17/12/1993

Società soggetta all’attività di direzione e coordinamento di Gruppo Villa Maria S.p.A