ambulatorio

L’Ambulatorio si occupa della prevenzione, diagnosi e trattamento delle patologie della pelle in un’ottica multidisciplinare anche in connessione con gli specialisti della Chirurgia plastica, ricostruttiva, estetica e delle altre branche.

Si effettuano visite specialistiche dermatologiche per: Si effettuano visite specialistiche per la Chirurgia plastica per:
  • Chirurgia dermatologica in anestesia locale per asportazioni di tumori cutanei o biopsie cute
  • interventi in anestesia generale di tumori cutanei complessi
  • Chirurgia del melanoma, inclusa esecuzione del linfonodo sentinella
  • infiltrazioni di filler al volto per trattamento estetico
  • iniezioni di tossina botulinica al volto per trattamento estetico
  • Chirurgia estetica della mammella e del viso
  • Body contouring (trattamento di medicina estetica per rimodellare il corpo).
L’Ambulatorio svolge, in particolare attività di prevenzione, diagnosi e cura dei tumori cutanei, comprese le forme precancerose.

Percorso di prevenzione, diagnosi e trattamento dei tumori cutanei

Il percorso si occupa delle alterazioni cutanee melanocitarie e non melanocitarie, congenite o acquisite. 

Nel dettaglio, le lesioni pigmentarie che originano dai melanociti - le cellule che producono la melanina, il pigmento colorato della pelle - si distinguono in:
  • nei o nevi, formazioni benigne dal colore marrone chiaro o scuro, nero oppure dello stesso colore della pelle, solitamente con bordo regolare;
  • melanomi, formazioni maligne, spesso molto aggressive, asimmetriche con bordi irregolari. Si presentano come alterazione dei nei preesistenti o ex novo e possono progredire e diffondersi rapidamente. Si sviluppano prevalentemente a livello del dorso, capo e collo nel maschio, arti inferiori e tronco, nella femmina.

Principali tumori cutanei non melanocitari: diagnosi e trattamento

Le principali neoplasie che non hanno origine dai melanociti sono:
  • carcinoma basocellulare (BCC), ha origine dalle cellule basali, di colore perlaceo dalle dimensioni ridotte, duro al tatto, cresce lentamente e generalmente non porta alla formazione di metastasi. E’ localizzato principalmente nelle zone della testa, del collo, poi il tronco e gli arti, più raramente in altre zone del corpo;
  • carcinoma spinocellulare (SCC) o squamocellulare, dall’aspetto squamoso e rossastro, progredisce fino a somigliare alle verruche. Si presenta soprattutto sul labbro inferiore, padiglioni auricolari, naso, dorso delle mani, cuoio capelluto, ma può manifestarsi in qualunque area del corpo;
  • carcinoma in situ (morbo di Bowen) caratterizzato da lesioni eritematose a superficie squamo-crostosa con erosione centrale, se localizzato ai genitali, è detto eritroplasia di Queyrat;
  • cheratosi attiniche, lesioni precancerose provocate dall’esposizione ai raggi UV. Se non trattate possono evolvere in carcinoma squamocellulare. Si manifestano come piccole macchie di colore rosa o rosse dalla superficie ruvida.

Prevenzione e diagnosi 

Il percorso di prevenzione è consigliato per effettuare screening in caso di familiarità per il melanoma o altri tumori della pelle, ma anche per la diagnosi precoce nel caso in cui compaiono neoformazioni cutanee o si osserva un’alterazione dei nevi preesistenti. Lo specialista effettua, dapprima, un esame obiettivo per valutare la presenza di sintomi o segni caratteristici dei tumori cutanei e acquisire la storia familiare del paziente.

Per accertare la presenza di un tumore si possono utilizzare altri test diagnostici:
  • la dermatoscopia (o epiluminescenza) e la videodermatoscopia metodiche non invasive che permettono di studiare le aree cutanee pigmentate, esaminandone anche le strutture interne per verificare, in profondità, la presenza di cellule precancerose e consentono di effettuare la cosiddetta “mappatura dei nevi”
  • la biopsia escissionale, si preleva con il bisturi un piccolo campione di tessuto che viene poi analizzato con il microscopio.

I trattamenti e il follow up

Se il melanoma è precoce e superficiale si eradica, in anestesia locale, nel corso della biopsia, se invece è invasivo con ulcerazione si procede, previa anestesia generale, con l’intervento chirurgico di asportazione del tumore e del linfonodo sentinella. Sulla base della stadiazione del tumore vengono prescritte immunoterapia e terapie target, ossia nuove terapie farmacologiche che agiscono in modo molto selettivo e con minori effetti collaterali rispetto alla terapia convenzionale (chemioterapia, radioterapia).

I tumori baso-spinocellulari vanno sempre asportati chirurgicamente. Solo in casi selezionati si può usare la terapia topica o la elettrochemioterapia, se metastatici si ricorre alla radioterapia o a terapie farmacologiche oncologiche che si differenziano in relazione alla tipologia di tumore. 

Ai diversi tipi di trattamento fanno seguito le visite di controllo per monitorare la patologia. 
MyGVM App
MyGVM

Prenotazioni e appuntamenti nel palmo della tua mano

La nuova app MyGVM ti permette di trovare il tuo medico preferito, prenotare visite, controllare l’esito degli esami direttamente dal tuo telefonino! Scaricala ora:

Informazioni sull'ospedale

Dove siamo

Piazza Leopardi, 18, 16145 Genova (GE)
Liguria

Ottieni indicazioni

Come raggiungerci

Dall'uscita autostradale
Genova Nervi 15 minuti / 5 km circa
> Genova Ovest 15 minui / 7 km circa 
 
Dalla stazione ferroviaria: 
Genova P. Principe 15 minuti / 5 km circa
Genova Brignole 7minuti / 2Km circa
 
Dall'aeroporto di Genova 25 minuti / 12 km circa

La struttura

Direttore Sanitario: Antonio Giacomo Parodi
Presidente: Ettore Sansavini
Amministratore Delegato: Sandro Mazzantini
Posti letto: 60
Chi siamo
Carta servizi