Città di Lecce Hospital / 19 gennaio 2023

Manometria ano-rettale: cos’è e come si esegue

Manometria ano-rettale: cos’è e come si esegue
La manometria ano-rettale è un’indagine diagnostica strumentale che consente di ottenere informazioni sulla funzionalità dell’apparato sfinteriale. Esame complementare all’ecografia ano-rettale, viene prescritto dallo specialista per approfondire problematiche già rilevate con l’anamnesi, l’ecografia ed una eventuale ano-rettoscopia.
Mentre l’ecografia ano-rettale, tramite l’inserimento di una sonda ecografica nell’ano, permette di studiare la morfologia e la struttura dello sfintere, la manometria approfondisce attraverso una sottile sonda con sensori le dinamiche funzionali del tratto che regolano i meccanismi della defecazione e della continenza.

Abbiamo chiesto cos’è la manometria ano-rettale, come e perché si esegue al dott. Natale Ursino, specialista in Chirurgia Generale, proctologia ed endoscopia gastroenterologica e coordinatore dell’Unità di Colonproctologia a indirizzo Proctologico (UCP) di Città di Lecce Hospital.

Cos’è la manometria ano-rettale

La manometria ano-rettale è un esame strumentale diagnostico non invasivo e non doloroso (può risultare solo leggermente fastidioso) indicato nei casi in cui è necessario ottenere maggiori informazioni sulla funzionalità dell’apparato sfinteriale.
In particolare, viene prescritta per studiare, diagnosticare o escludere patologie proctologiche come: La stipsi, infatti, la difficoltà o incapacità nell’evacuare, può derivare da un funzionamento problematico dell’intestino, ma essere anche di tipo espulsivo, dipendente dai muscoli del pavimento pelvico e, in particolare, dal muscolo pubo rettale. Traumi dolorosi o parto possono generare una incoordinazione del movimento muscolare per cui - nella fase evacuativa - anziché favorire l’espulsione delle feci avviene un’inversione del comando, chiamata Contrazione paradossa del muscolo pubo rettale. La contrazione muscolare chiude l’angolo ano-rettale, che in condizioni di normalità permette di dare un contributo al meccanismo della continenza, per cui le feci non passano o passano con difficoltà.

Nel caso dell’incontinenza, invece, con ecografia e manometria ano-rettale è possibile eseguire una valutazione morfo-funzionale completa dell’apparato sfinteriale.
La ragade anale è un taglio o una ferita sull’apparato sfinteriale che genera molto dolore, in quanto si trova in un’area ipersensibile ricca di recettori sensitivi e, per questo, determina una contrazione involontaria del muscolo. La manometria può essere utile per una diagnosi di ipertono anale in vista di un eventuale trattamento chirurgico o mininvasivo con iniezioni di tossina botulinica.

Come si esegue la manometria ano-rettale

Per questa indagine strumentale non è necessaria preparazione, l’esecuzione dura pochi minuti, dopo di che il paziente può tornare alle sue normali attività quotidiane.
Dopo aver posizionato il paziente sul fianco sinistro, viene inserita nell’ano una sottile sonda che culmina con un palloncino. Quest’ultimo, riempito di aria, simula il bolo fecale e consente, attraverso sensori sofisticati, di rilevare la funzionalità dello sfintere. Vengono valutati i parametri di:
  • tono basale;
  • forza di spinta;
  • forza di contrazione;
  • sensibilità dell’ampolla rettale.
Attraverso lo studio dei risultati lo specialista proctologo può indirizzare il paziente verso terapie o interventi per le problematiche rilevate.
Per informazioni e prenotazioni
CHIAMA SCRIVI
Revisione medica a cura di: Dott. Natale Ursino
Le informazioni contenute nel Sito, seppur validate dai nostri medici, non intendono sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.
MyGVM App
MyGVM

Prenotazioni e appuntamenti nel palmo della tua mano

La nuova app MyGVM ti permette di prenotare visite negli ospedali e poliambulatori GVM, gestire gli appuntamenti e controllare l’esito degli esami di laboratorio direttamente dal tuo telefonino! Scaricala ora: