Asma

L'asma consiste nella difficoltà respiratoria per spasmo della muscolatura bronchiale.

All’origine del disturbo ci sono ereditarietà e familiarità che si esplicano in una maggiore capacità contrattiva delle vie aeree, ma anche fattori ambientali come allergeni (pelo animale, polline, acari), inquinamento atmosferico (polveri sottili), fumo, farmaci (in particolare acido acetilsalicilico e beta-bloccanti), obesità e infezioni alle vie respiratorie. Fattori di rischio di un attacco d’asma sono gli stress fisici ed emotivi.

La manifestazione tipica è la difficoltà respiratoria dovuta a tosse, accompagnata da senso di oppressione al torace e sibilo, specie in fase di espirazione. Il paziente può diventare cianotico e provare un senso di soffocamento. Le crisi possono durare da pochi minuti a giorni. L’asma può facilmente cronicizzarsi e causare il restringimento irreversibile delle vie aeree.

Esame diretto, analisi della storia clinica ed esami strumentali, principalmente la spirometria, che valuta la situazione delle vie aeree, permettono l’accertamento del disturbo. Nel caso di sospetta origine allergica si può individuare l’allergene responsabile mediante test allergologici cutanei o sierologici.
Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Articoli correlati a Asma

19 luglio 2021 - GVM News

Rinite allergica e sintomi specifici

Questa infiammazione, dovuta all'esposizione a un allergene e alla conseguente produzione di istamina, coinvolge infatti naso, gola, orecchie, talvolta anche occhi, e provoca sintomi simili al raffreddore comune.
Non trovi la patologia che stai cercando?
Clicca qui