Vaginite

L’infiammazione della mucosa della vagina, originata da irritazione, infezione o traumi.

Il disturbo trova condizioni favorevoli nella diminuita acidità fisiologica vaginale, causata generalmente da terapie farmacologiche (a base di ormoni, antibiotici, contraccettivi orali), patologie (diabete) e comportamenti (uso di biancheria e abiti troppo attillati). Fra le cause del disturbo si segnalano batteri (Gardnerella vaginalis), protozoi (Trichomonas vaginalis) e funghi (Candida albicans).

Alcune forme di vaginite sono asintomatiche. Le manifestazioni più comuni sono prurito e dolore, associato all’atto di urinare e all’atto sessuale. A seconda dell’origine dell’infezione possono aversi secrezioni vaginali, ad esempio biancastre nell’infezione da Candida albicans.

Analisi dei sintomi e visita ginecologica permettono l’accertamento del disturbo, le cui cause possono essere individuate tramite l’esame microscopico o colturale delle secrezioni vaginali.
Le informazioni contenute nel Sito, seppur validate dai nostri medici, non intendono sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Articoli correlati a Vaginite

26 marzo 2019 - GVM

Le perdite vaginali in gravidanza

È possibile che nel corso della gravidanza la gestante rilevi delle perdite vaginali, che possono essere benigne o sintomatiche di alcune patologie
Non trovi la patologia che stai cercando?
Clicca qui