Spasmofilia

La spasmofilia è una sindrome neuromuscolare causata dalla carenza di calcio endocellulare. Dal greco "tendenza allo spasmo" è una forma di stanchezza che si associa a stress intenso, stati d'ansia e depressione. E'molto frequente nei cambi di stagione e provoca una diminuzione delle energie e difficoltà a muoversi e a relazionarsi con gli altri.

E' una patologia di origine idiopatica, sicuramente legata ad uno disturbo d’ansia e di depressione. E'stato provato che nella maggior parte dei casi si tratta di un disturbo ereditario: esistono intere famiglie affette da questa patologia. L'origine è stata classificata in tre categorie: metabolica, nervosa ed enzimatica, riconducibile quest'ultima ad una carenza minerale.

I sintomi principali sono disturbi muscolari caratterizzati da algie crampi formi, spesso associati a facile sindrome di stanchezza. La sintomatologia può essere inoltre varia e di difficile inquadramento: emicranie, vertigini e nausea.

La spasmofilia si accerta con una routine ematochimica comprendente dosaggio ematico di calcio, calcio ionizzato, magnesio, sodio, potassio e Vitamina D. L'esame principale è l'elettromiografia, che serve a valutare un'eventuale presenza di tetania latente.
Le informazioni contenute nel Sito, seppur validate dai nostri medici, non intendono sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Articoli correlati a Spasmofilia

24 gennaio 2022 - GVM

Indolenzimento muscolare: quando si manifesta e come si risolve

Perché non deve essere sottovalutato
Non trovi la patologia che stai cercando?
Clicca qui