Sindrome premestruale

L’insieme delle manifestazioni fisiche e psicologiche che precede le mestruazioni.

Nei giorni immediatamente precedenti le mestruazioni si verificano significative variazioni dei livelli ormonali, fra cui il brusco calo degli estrogeni. Queste variazioni, che coinvolgono anche il progesterone, in aumento dopo l’ovulazione, provocano ritenzione idrica e l’abbassamento dei livelli di endorfine e serotonina, i neurotrasmettitori che determinano la sensazione di benessere.

I sintomi possono essere molto diversi da donna a donna. I più comuni sono mal di testa, gonfiore all’addome, crampi e fastidiosa tensione al seno. Si manifestano anche tristezza, irritabilità e facilità al pianto. In altri casi può farsi più spiccato il desiderio di dolci e cioccolato, ricchi di carboidrati. I sintomi possono essere così gravi da impedire una normale vita di relazione e lavoro (disturbo disforico premestruale). La sintomatologia scompare dopo l’esordio delle mestruazioni.

L’accertamento è compiuto attraverso l’analisi dei sintomi e il loro rapporto con l’inizio delle mestruazioni.
Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.
Non trovi la patologia che stai cercando?
Clicca qui