La Diagnostica per immagini è un supporto necessario e indispensabile per diagnosticare la presenza di alterazioni funzionali nei diversi organi e per monitorare il paziente in relazione alla diagnosi.

In ICLAS si effettuano:

  • Radiologia tradizionale (esami dello scheletro e del torace)
  • Ecografia internistica, muscolo scheletrica e vascolare
  • TC - Tomografia Computerizzata Multistrato.

Radiologia tradizionale

Utilizza i raggi X per ottenere immagini radiografiche a livello di tutti i distretti corporei. E' utile per la diagnosi di patologie di varia natura, permette di ottenere importanti indicazioni su diverse patologie dell’apparato osteoarticolare, del torace e dello scheletro.

Nel caso di una gravidanza sospetta, o accertata, è indispensabile informare il medico per considerare la possibilità di ricorrere a un esame alternativo.

Ecografia

Questa tecnica di indagine strumentale si avvale dell’utilizzo di onde ultrasonore, per questo motivo ha il vantaggio di essere non invasiva, indolore e priva di controindicazioni cui si può sottoporre chiunque, anche le donne in gravidanza.

L’ecografia si svolge appoggiando una sonda ultrasonografica sulla superficie da esaminare precedentemente cosparsa di gel, per creare un contatto tra sonda e pelle e favorire il passaggio dell’onda ultrasonora, senza interposizioni di aria.
E’ un esame diagnostico di primo livello per la prevenzione, fornisce immagini dettagliate che evidenziano direttamente l’eventuale presenza di patologie, disfunzioni, anomalie e consente lo studio dettagliato dei vari distretti corporei, si differenzia in:
  • internistica, per lo studio degli organi addominali e pelvici (richiede una preparazione preliminare)
  • del collo, per lo studio delle ghiandole salivari, della tiroide e delle masse latero-cervicali
  • delle articolazioni e tessuti molli, per esaminare le principali lesioni traumatiche muscolari, tendinee, legamentose, e le neoformazioni dei tessuti molli

Si effettuano anche ecografie vascolari con gli Specialisti della Cardiologia ambulatoriale.

TC - Tomografia Computerizzata Multistrato

ICLAS dispone di un'attrezzatura multistrato (64 slice) che consente tempi sensibilmente ridotti di esecuzione dell’ esame e una importante accuratezza della diagnosi. Le ricostruzioni bi- e tri-dimensionali sono di grande utilità per la diagnosi di patologie neurologiche, cardiovascolari e ortopediche.

Tutti i distretti corporei possono essere valutati mediante indagine TC con e/o senza la somministrazione endovenosa di mezzo di contrasto: encefalo, mastoidi e rocche, massiccio facciale (gruppo osseo del cranio), collo, torace, addome completo, colonna vertebrale, articolazioni. Se l’esame viene eseguito con un mezzo di contrasto, la scansione è doppia (prima e dopo infusione).
 
Questa metodica diagnostica non è controindicata per i portatori di defibrillatori o di pacemaker mentre resta controindicata per le donne in gravidanza.

TC torace

La TC del torace è un esame che attraverso l’utilizzo delle radiazioni ionizzanti riproduce sezioni e ricostruzioni tridimensionali dei parenchimi (tessuti) degli organi e dei grossi vasi presenti nel torace.
Può essere eseguita con o senza mezzo di contrasto, la somministrazione di MDC permette di avere immagini più accurate di organi e tessuti.

E’indicata per valutare:
  • alterazioni riscontrate con la Radiografia del torace
  • patologie associate a segni e sintomi come ad esempio tosse, febbre, dolore toracico
  • lesioni polmonari di natura neoplastica ed eventuali metastasi
  • lesioni toraciche, anche di natura traumatica.
Inoltre permette di diagnosticare: embolie polmonari, patologie infiammatorie croniche come asmaBPCO (broncopneumopatia cronica ostruttiva), patologie dell’interstizio polmonare e anomalie congenite.

TC addome

La TC addome completo (superiore e inferiore) permette di studiare gli organi e i distretti vascolari (vene e arterie) dell’addome: fegato, pancreas, surreni, reni, milza, vescica, aorta, ecc.
 Richiede, fatta eccezione per alcuni casi, la somministrazione del mezzo di contrasto.

La TC addome superiore e inferiore è indicata per indagini diagnostiche ginecologiche, traumatologiche, oncologiche e vascolari. Può essere utilizzata per lo studio specifico di un organo ad esempio del pancreas, o di un apparato ad esempio l’apparato urinario, ma anche per una ricerca generalizzata di eventuali formazioni primitive o effettuare la stadiazione della patologia, vale a dire la valutazione delle sedi interessate. Inoltre la TC addome completo evidenzia l’eventuale presenza di aneurismi (dilatazioni) dei grossi vasi addominali, in particolare a livello dell’aorta.

TC cranio

La TC del cranio permette di valutare l’encefalo, le orbite, i seni paranasali e l’intera struttura ossea e vascolare. In particolare consente lo studio e la valutazione di:
  • ictus o altre lesioni di origine vascolare
  • neoplasie primitive o secondarie
  • monitoraggio di pazienti con patologie neurologiche non stabilizzate come ictus in fase subacuta o acuta oppure traumi recenti
  • traumi per accertare la presenza di lesioni che possono richiedere procedure interventistiche terapeutiche
  • demenze, per escludere altre possibili cause, in assenza di altri sospetti diagnostici
  • monitoraggio dei pazienti con idrocefalo e patologie infiammatorie.

Colonscopia virtuale

È uno studio del grosso intestino che permette di esaminare il colon, in particolare nel caso in cui non possa essere esplorato con la tradizionale colonscopia ottica. Questa metodica è universalmente accettata come l’indagine di scelta di primo livello per la diagnosi precoce delle patologie del colon retto e in particolare del cancro, poiché consente di identificare neoformazioni potenzialmente pericolose - polipi anche di entità millimetrica.

La colonscopia virtuale, tecnica mininvasiva e non dolorosa, si svolge introducendo aria nell’intestino tramite un sondino flessibile e sottile introdotto nel retto.

Clisma-TC del colon

E’un esame TC dell’addome con mezzo di contrasto iodato iniettato per via endovenosa (come nella normale TC addominale) dopo previa distensione del colon per via rettale con circa 2 litri di acqua. Questa metodica, grazie alla distensione del lume del colon, consente un’ottimale visualizzazione della parete colica e di valutare, accuratamente, eventuali lesioni intestinali, il grado di interessamento della parete intestinale, dei tessuti e degli organi addominali adiacenti. Inoltre, fornisce una valutazione complessiva di addome, pelvi e consente una corretta stadiazione in caso di patologia neoplastica.
LA DIAGNOSTICA CARDIACA E VASCOLARE

I progressi tecnici hanno consentito un sempre più ampio utilizzo della TC come tecnica diagnostica non invasiva, anatomica e anche funzionale in tutti i distretti vascolari inclusi il cardiaco, il polmonare e il cerebrale.

Inoltre gli elevati livelli di sensibilità per la detezione della patologia aterosclerotica e malformativa ne hanno affermato l’uso anche come indicatore prognostico per la valutazione integrata del rischio in campo chirurgico e oncologico ma anche in campo assicurativo e previdenziale.
 
 L’Angiografia TC prevede l’iniezione di mezzo di contrasto iodato. Esami senza mezzo di contrasto sono limitati alla valutazione di placche aterosclerotiche calcifiche vascolari. Questo tipo di esame ha come principale utilizzazione la stratificazione prognostica (Calcium scoring) specie in ambito assicurativo in considerazione del basso livello di esposizione radiologica e della altissima sensibilità nella detezione delle placche calcifiche.

L’indicazione principale della TC in ambito cardiologico è la valutazione non invasiva dell’anatomia coronarica, ovvero della pervietà delle arterie coronariche della presenza di lesioni malformative e soprattutto aterosclerotiche che possono ostruire i vasi e limitare la perfusione miocardica.

L’esame, oltre alla pervietà del lume, consente di valutare anche la struttura radiologica delle placche delle pareti vascolari (calcifiche, non calcifiche) e la morfologia (rimodellamento vasale, ulcerazioni ect) definendo un profilo di rischio evolutivo della singola lesione.

Informazioni aggiuntive riguardano la funzione ventricolare sinistra e destra, la morfologia e la funzione delle valvole cardiache, la perfusione miocardica. Lo studio della perfusione miocardica richiede una doppia iniezione di mezzo di contrasto iodato.

In questo ambito la TC rappresenta la tecnica non invasiva di riferimento e consente un accurato studio anatomo-funzionale del circolo arterioso e venoso per la valutazione della presenza di patologie malformative, aterosclerotiche, oncologiche, post-traumatiche come pure per la valutazione del risultato di interventi medici e chirurgici.
 

Gli esami devono essere prescritti da un medico e questa documentazione deve essere presentata al momento dell’esame.

Devono essere comunicati preventivamente i risultati recenti (non antecedenti a 1 mese) di creatinina, e TSH in modo da preparare convenientemente il paziente o rimandare la procedura. Dalle donne in età fertile deve essere comunicato il rischio di gravidanza.

Per l’esecuzione dell’esame è necessario un digiuno di almeno 6 ore.

il paziente è preparato indossando un camice fornito dalla struttura sanitaria ed è necessario rimuovere eventuali oggetti metallici (gioielli, piercing, protesi mobili). In caso di iniezione di mezzo di contrasto viene posizionata un’agocannula venosa in genere in una vena dell’avambraccio.

L’esame non è doloroso. Con l’iniezione di mezzo di contrasto si può avvertire una sensazione di calore e un gusto amaro e metallico in bocca. E’ richiesta la collaborazione del paziente che deve restare immobile e eseguire un’apnea inspiratoria di breve durata (max 15 sec) quando richiesto.

La TC è un esame radiologico che prevede l’uso di radiazioni ionizzanti, nonostante i recenti progressi ottenuti per il contenimento della dose radiologica rimane una delle sorgenti principali di esposizione medica per cui il suo utilizzo deve essere sempre valutato in ragione di questo parametro utilizzando la TC solo quando le informazioni sono necessarie e non ottenibili con una tecnica alternativa che escluda questo rischio.

Attenzione particolare deve essere rivolta all’uso in pazienti pediatrici e comunque nelle prime decadi di vita e soprattutto nelle donne con possibile stato di gravidanza. Le protezioni per gli organi radiosensibili sono raccomandate quando non ne è prevista l’esplorazione.

Il mezzo di contrasto è un farmaco molto ben tollerato tuttavia deve essere usato con cautela nei soggetti con insufficienza renale (effetto nefrotossico) o con ipertiroidismo (carico di iodio, tireotossicosi). Deve inoltre sempre essere valutata la presenza di allergie e le eventuali precedenti reazioni allergiche al mezzo di contrasto. In questi casi l’esame è possibile ma deve prevedere una premedicazione specifica.
 
In Iclas si eseguono specificamente:
  • Esami con infusione di mezzo di contrasto iodato
  • Angio-TC cardiaca - studio della funzione cardiaca incluso la valutazione morfologica e funzionale degli apparati valvolari
  • Angio-TC coronarica - valutazione anatomica del circolo coronarico
  • Angio TC polmonare - studio morfologico del circolo polmonare
  • Angio-AC aorta toracica - studio morfologico dell’aorta toracica
  • Triple rule out - esame angio TAC con valutazione contemporanea del circolo polmonare, coronarico e aorta toracica
  • Angio TC tronchi sovra-aortici
  • Angio TC  circolo arterioso e venoso intracranico
  • Angio TC aorta addominale e arterie del distretto addominale incluse le arterie renali
  • Angio TC aorta addominale e arti inferiori
  • Angio TC valutazione distrettuale del circolo venoso.
  • Esami senza somministrazione di mezzo di contrasto
  • Esami TC per valutazione della presenza di calcificazioni vascolari:
  • valutazione pre-operatoria dell’aorta toracica (aorta a porcellana)
  • valutazione pre-operatoria di pazienti con precedente intervento sternotomico.
  • Calcium score coronarico (indicatore prognostico di rischio cardiovascolare) e degli apparati valvolari (indicatore di complessità operatoria e interventistica).
MyGVM App
MyGVM

Prenotazioni e appuntamenti nel palmo della tua mano

La nuova app MyGVM ti permette di trovare il tuo medico preferito, prenotare visite, controllare l’esito degli esami direttamente dal tuo telefonino! Scaricala ora:

Informazioni sull'ospedale

Dove siamo

CABRUNA, 21/ VIA PUCHOZ, 25, 16035 Rapallo (GE)
Liguria

Ottieni indicazioni

La struttura

Direttore Sanitario: Dott. Mauro Pierri
Presidente: Ettore Sansavini
Amministratore Delegato: Livio Pietro Tronconi
Posti letto: 71
Chi siamo
Carta servizi