Fegato ingrossato (Epatomegalia)

L’Epatomegalia descrive la condizione patologica dell’organo che si presenta ingrossato e pertanto ha dimensioni al di fuori degli standard clinici. L’Epatomegalia non va confusa con la Steatosi epatica, ovvero l’accumulo, anomalo, di grasso e trigliceridi all’interno delle cellule.
 

L’origine di questa alterazione va ricercata nella causa scatenante, ovvero nella patologia che riflette i sintomi. L’Epatomegalia può essere indotta da problematiche come cirrosi, emocromatosi, epatite, insufficienza cardiaca congestizia, mononucleosi, tumori, leucemia, toxoplasmosi, sifilide. L’utilizzo smodato di alcuni farmaci - quali il paracetamolo, gli antibiotici e le statine - nonché l’assunzione di alcool in dosi esagerate sono fattori di rischio che concorrono allo sviluppo della sindrome.

Nella stragrande maggioranza dei casi i soggetti con Epatomegalia non lamentano gravi disturbi. In alcune circostanze l’ingrossamento della ghiandola è invece associato a stati d’affaticamento cronico, colore della pelle e della sclera oculare tendente al giallo, difficoltà digestive, forti dolori addominali, feci chiare e mancanza d’appetito.

Il primo livello d’accertamento consiste nella palpazione dell’addome in corrispondenza dell’organo. Esami di laboratorio, Ecografia e TAC supportano il medico nella diagnosi e nella terapia da adottare.
Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.
Non trovi la patologia che stai cercando?
Clicca qui